Menu

Recensioni

A Perfect Circle – Thirteenth Step

-

Ascolta

Acquista

Tracklist

01. The Package
02. Weak And Powerless
03. The Noose
04. Blue
05. Vanishing
06. A Stranger
07. The Outsider
08. Crimes
09. The Nurse Who Loved Me
10. Pet
11. Lullaby
12. Gravity

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Nel 2000 uscì quel capolavoro intitolato “Mer de Noms” ed ora per gli A Perfect Circle,side project di James Keenan Maynard dei Tool è tempo di conferme.
Con una formazione in parte rinnovata – Paz Lechantin lascia il posto a Jordie Osborne White (Twiggy Ramirez per Marylin Manson) mentre alla seconda chitarra ora troviamo Jamesh Iha (Smashing Pumpkins) – la band ritorna sulle scene con un altro strepitoso album intitolato “Thirteenth Step” che abbandona in parte quegli sfoghi emotivi che arricchivano “Mer de Noms” di un'energia straordinaria.
Questo nuovo lavoro degli APC suona più riflessivo, quasi psichedelico, grazie anche alle splendide esecuzioni di Maynard, ma anche al resto della band, su tutti l'ottimo White, che crea linee ritmiche ipnotiche e mai banali.
Il disco comincia con “The Package” che va in crescendo come la maggior parte degli episodi di questo “Thirteenth Step”. Si prosegue con “Weak and powerless”, forse il brano più vicino al precendete “Mer de noms”.Splendido il successivo trittico “The Noose”, “Blue” e “Vanishing” che ricorda gli arrangiamenti dei Massive Attack in “Mezzanine”, realtà musicale così diversa, ma allo stesso tempo vicina agli APC. Melodie arabeggianti eteree e magnetiche ci conducono spediti alla scoperta di questo nuovo capolavoro della band.
Passando per le esplosioni elettriche di “The Outsider” ci si scontra con qualcosa di imprevedibile, uno lungo sguardo al passato, fino quasi agli anni '30. “The nurse who loved me”, cover dei Failure, è sicuramente uno dei brani migliori del disco, pazzia allo stato puro, stupendamente interpretata da Maynard e soci.
Con “Pet” si ritorna alla normalità, mentre le atmosfere cariche di pathos di “Lullaby” ci avvicinano a “Gravity” stupenda conclusione di un disco che conferma gli A Perfect Circle come una delle migliori realtà musicali attualmente in circolazione. Un disco in quale ogni strumento conquista una propria dimensione e trasporta l'ascoltatore in uno scenario di contrasti emozionali da brividi.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close