Menu

Recensioni

Hot Hot Heat – Make Up the Breakdown

-

Ascolta

Acquista

Tracklist


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Tra la selva di rock band provenienti dal nord america (vedi Strokes, Interpol, BRMC ecc.) ecco spuntare anche i canadesi Hot Hot Heat con il loro primo lavoro “Make Up The Breakdown” uscito per la SubPop, storica etichetta che lanciò il grunge, e prodotto da quel J. Endino che produsse anche il disco d'esordio “Bleach” dei Nirvana. Nulla a che vedere con questo.
Dieci di brani di semplice pop-rock molto garage, con vistosi richiami agli anni '60 (vedi “Bandages” con le tastiere iniziali e il ritornello un po' troppo orecchiabile) e qualche spruzzata di elettronica, come “No, Not Now” che ricorda i Blur di “Girl and Boys”.
Ai 4 canadesi manca un po' di originalità. Volendo salvare qualcosa, potremmo ricordare “Bandages” e “Oh Goddamnit”, che si alzano in piedi rispetto alle altre, ma rimangono comunque in punta di piedi, senza mai sovrastare le altre.
“Make Up the Breakdown” nasconde al suo interno una dimensione di ricerca e raffinatezza testimoniata dalla conclusiva “In Cairo” che lascia da parte quelle influenze garage che caratterizzano gli altri 9 brani del disco, sacrificando un po' di urla e velocità. “In Cairo” non è il brano migliore del disco, ma è l'unico diverso dagli altri…

TRACKLIST:
1. Naked In The City Again
2. No, Not Now
3. Get In Or Get Out
4. Bandages
5. Oh, Goddamnit
6. Aveda
7. This Town
8. Talk To Me, Dance With Me
9. Save Us S.O.S.
10. In Cairo

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close