Menu

Recensioni

Luciferme – Cosmoradio

-

Ascolta

Acquista

Tracklist


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Qualche anno fa mi è capitato tra le mani questo disco del gruppo Toscano dei Luciferme.Il suo titolo è “Cosmoradio” forse il disco più famoso del gruppo Fiorentino uscito nel 1998 toccando l'apice con la partecipazione pure al festival di San Remo presentando la canzone “il Soffio”.Ebbene dal primo impatto si nota subito la loro somiglianza e le analogie di stile con il rock dei Litfiba ma sopratutto di impronta u2..Un rock melodico,molto orecchiabile ma al tempo stesso anche profondo, il tutto trainato dalla voce del cantante,Francesco Pisaneschi, tra l'altro anch'essa molto analoga allo stile di Bonovox.Le canzoni sfilano leggere in modo armonioso, forse il pezzo forte resta a punto il primo singolo uscito da questo album : “il soffio”..in questo pezzo veramente si tocca il punto “più alto” della melodia e della somiglianza al quartetto irlandese..sia nel timbro di voce del cantante sia nel riff di chitarra finale, un pezzo romantico e travolgente che anche a s.Remo ebbe buoni propositi.Più si va avanti e più si nota una cosa fondamentale : il disco non scoccia..le canzoni non sono tutte uguali..i testi semplici e a volte fantasiosi sono di gradevole fattura…Dopo il soffio abbiamo infatti una buona interpretazione del pezzo anni '80 “doot doot” dei Freur,proseguendo poi con un altro pezzo molto caratteristico: “figlio del vento” la “where the streets have no name” dell'album (in forma sempre e comunque molto vaga)..fino ad arrivare a “Cosmoradio”,la canzone da cui prende il nome del disco, è forse la parte più “sperimentale” dell'album,qui si esce un pò fuori dalle “righe” della linea seguita dall'album,ma è solo apparenza.Lo stile u2 è sempre dietro l'angolo,ricorda vagamente infatti gli album più sperimentali degli u2 come ad esempio “zooropa”, cosmoradio cmq è una canzone che fonda con la sua elettronica anche stili come quello dei bluvertigo o proprio vagamente dei subsonica.Finito cosmoradio si torna sulla “terra” e dopo qualche pezzo che convince di meno si arriva agli ultimi due : “300mila perchè” e “farfalle” che concludono dignitosamente un gran album, dimostrando che questo “”gruppo di Firenze” è capace di fare ottima musica di qualità restando intensi e non banali, in un genere ( il rock italiano) dove di schifezze ne siamo pieni le palle!

Track List

1. Luce
2. Il Soffio
3. Il Viaggio (Doot Doot)
4. Amami
5. Figli del Vento
6. Cosmoradio
7. Cosmosenso
8. Stella
9. Hai Catturato Me
10. 300.000 Perché
11. Farfalle

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close