Menu

Il genio della truffa


Scheda


Il Genio della Truffa

Titolo originale: Matchstick Men.
Nazione: USA.
Anno: 2003.
Regia: Ridley Scott.
Interpreti: Nicholas Cage, Sam Rockwell, Alison Lohman.
Soggetto: Tratto dall’omonimo libro di Eric Garcia.
Sceneggiatura: Nicholas e Ted Griffin.
Genere: Commedia.
Durata: 1h e 45′.
Distribuzione: Warner Bros.


Il genio della truffa

Roy, il premio Oscar Nicholas Cage, proprietario single e benestante di una splendida villa nella periferia di Los Angeles riesce a guadagnare quanto basta per potersi permettere una vita decisamente al di sopra della media grazie agli introiti che gli provengono dalla società di commercio di depuratori d’acqua aperta assieme all’amico Frank, il bravissimo caratterista Sam Rockwell.

La vita di Roy sembrerebbe scorrere in maniera apparentemente normale se non fosse che i suoi problemi di salute rischiano regolarmente di minare il suo tranquillo menage quotidiano. Roy infatti è un agorafobico, maniaco dell’igene e regolarmente impasticcato di calmanti capaci di stordire un cavallo. Ci stavamo inoltre dimenticando di un piccolo dettaglio: Roy è anche uno dei più inacciuffabili truffatori mai visti in circolazione, la sua società di vendita porta a porta di depuratori d’acqua altri non è che una efficace copertura per mascherare truffe per varie migliaia di dollari. Da queste premesse a base di truffe, iperventilazioni con l’ausilio di sacchetti di carta e sedute psichiatriche che sembrano apparentemente non arrivare a nulla, ci troviamo catapultati nella vita di questo genio del crimine in giacca e cravatta, che d’improvviso scopre a sua insaputa di avere una figlia quattordicenne: Angela, avuta dal suo precedente matrimonio e che mai avrebbe pensato di poter reincontrare. Scott ci ripropone una versione più moderna di “Paper Moon” con Cage nel ruolo che fu di Ryan O’Neal ed Alison Lohman, perfettamente calata nel ruolo di ribelle in rotta con la madre, nel ruolo che fu della figlia Tatoom. Lungo il dipanarsi della trama Roy prima riesce a riavvicinarsi alla figlia mai conosciuta in precedenza e poi ne sfrutterà l’aspetto innocuo per riuscire a mettere a segno quello che lui stesso e Frank definiscono il colpo che dovrebbe in teoria sistemarli economicamente per sempre. Non vogliamo ovviamente svelarvi il finale ma Vi basti sapere che il film aiutato dalla splendida interpretazione di Nicholas Cage, che ha voluto fortemente la parte di Roy, riesce a cavarsela più che egregiamente alle prese con un genere difficile e difficilmente identificabile. Tutti gli attori si calano perfettamente nei loro ruoli, riuscendo a rendere credibili chi i propri tic e chi invece le truffe messe a segno ai danni di utenti inesperti di depuratori d’acqua. Curiosità per i più attenti: Il titolo originale si riferisce alle scatole di fiammiferi (Trad. Matchstick)con le quali Nicholas Cage, come se non bastasse anche fumatore incallito, si accende sigarette a go-go.

Voto al Film un meitato 7 e 1/2 e un bell’8 a Tutto il cast con una citazione particolare per Nicholas Cage.

Ciro Andreotti

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni Cinematografiche

Close