Menu

Recensioni

The Veils – The Runaway Founds

-

Ascolta

Acquista

Tracklist


Web

Sito Ufficiale
Facebook

The Veils…un The…una s finale…..ma loro no, loro non sono un ennesimo gruppo garage-rock copia di se stesso. Loro sono qualcosa di diverso, qualcosa di più…
Niente schitarrate grezze e ritmiche esagitate; piuttosto quello che li caratterizza è una triste dolcezza agrodolce che fa capolineo in quasi tutti i 10 brani del loro esordio “The Runaway Founds”, uno dei migliori di questo 2004.
Le canzoni dei The Veils penetrano all'interno grazie alla voce tagliente e affilata di Finn Andrews (figlio del primo tastierista degli XTC, per la cronaca) che arriva dritta al cuore, senza incontrare ostacoli. Come in “Lavinia”, decisamente splendida, che racconta la storia di un amore ancora sanguinante, con una struggente sezione d'archi che torna a fare la sua comparsa quattro tracce più avanti, nella placida “The Nowhere Man”, quasi a voler calmare le acque dopo “Guiding Light” dove la malinconia e la sensazione di tragedia imminente sembrano essersi prese una pausa.
É proprio questa sensazione di una tragedia che sembra stia sempre per compiersi a rendere epici e struggenti brani come “More Heat Than Light” e “Talk Down Girl”, che si trascina a stento tra riverberi chitarristici e vocalismi romantici.
I quattro sembrano aver confluito nella loro musica il meglio della più recente scena brit-pop (Coldplay per fare nomi) unita al pop-rock dei Radiohead (loro sono qualcosa a parte…) e condita con qualche spruzzo darkeggiante alla Joy Division.
Un disco malinconico, dolce e tagliente al tempo stesso. Un disco stupendo…

Tracklist

1.The Tide That Left & Never Cane Back
2.The Leavers Dance
3.Lavinia
4.More Heat Than Light
5.Talk Down Girl
6.Guidinig Light
7.The Nowhere Man
8. …& One Of Us Must Go
9.Vicious Traditions
10.Wires To Flying Birds

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close