Menu

Recensioni

Talvin Singh – ok

-

Ascolta

Acquista

Tracklist


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Talvin Singh è senzaltro il più alto esponente del genere transglobal se così vogliamo definire la musica con ascendenze asiatiche & dintorni, ma non solo e riesce ad imporsi a mio avviso come uno dei più grandi produttori di tutto il mercato elettro odierno. Il suo album d'esordio, “ok” per l'appunto, è uno dei più alti esempi di connubio riuscito tra culture e generi apparentemente distanti o meglio è la simbiosi perfetta tra un background profondo e millenario come può essere quello della musica tradizionale asiatica con i potenti mezzi della cultura psycho-estetica dell'elettronica contemporanea. Il suono sfugge e coinvolge al primo ascolto; la travolgente Traveller è un'ipnosi dilatata e dilatante che perfora l'orecchio in profondità andando a colpire quella zona dell'encefalo legata alla memoria, ai ricordi e alla voglia di perdersi in un mare di nostalgia. Le seguenti tracce percorrono un po' tutto l'immaginario sintetico dal breakbeat al drum'n'bass, sfiorando i temi cari al 4/4 per poi perdersi in un atmosfere + personali e meno sereotipate. Sia ben chiaro che di stereotipato in questo disco non vi è proprio niente e la prova più eclatante è la trascendentale Dissert point.mento.b, a mio parere una delle più belle tracce che abbia mai sentito… Comunque vi è poco da dire: Talvin Singh è uno di quegli artisti da scoprire ad ogni ascolto, di quelli da vivere sia con il cervello che con lo stomaco; la sua musicsa persuade le membra e le scompiglia come solo l'amore a volte riesce a fare e non ce niente che possa fermare la sua musica se non la fine stessa del cd, prechè interromperlo prima sarebbe un sacrilegio…
Buon ascolto

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni