Menu

Recensioni

Morrissey – You Are the Quarry

-

Ascolta

Acquista

Tracklist


Web

Sito Ufficiale
Facebook

A distanza di 7 anni dal suo ultimo deludente lavoro solista, dall'esilio di Los Angeles mr Morrissey ritorna con un album che stupisce. “You Are The Quarry” è un disco decisamente pensato, ben scritto e altrettanto ben interpretato, dove melodie e testi si uniscono in modo convincente dietro all'ipnotica voce del genio inglese. Il rischio di perdersi, come spesso accadeva in passato, sembra essere scongiurato; complice l'assenza di un genio musicale come Johnny Marr infatti, nei precedenti lavori solisti di Moz tutto il peso alla fine ricadeva sui suoi testi (questi ultimi peraltro sempre ai massimi livelli).

E' dunque sotto questa luce che si sviluppa You Are The Quarry, con una grinta che forse neanche ti aspetti. Pezzi come Irish Blood, English Heart (primo singolo), America is not the world (molto attuale il messaggio che ci viene lanciato), How can anybody possibly know how I feel (incazzato al punto giusto), The world is full of crashing bores (il mondo è pieno di persone noiose, ci viene ricordato), mostrano tutta l'ironia e la classe di cui è dotato il cantautore, finalmente capace di reggere il confronto con i migliori momenti degli Smiths anni '80.
L'apice viene raggiunto in Come back to Camden: qui viene fuori tutto lo spirito malinconico di Morrissey (And I remember that I am alone, Alone. For evermore), ma c'è spazio per guardare avanti con un insperato ottimisimo (And I'll be good, I'll be good).

In conclusione, un album che farà felici molti nostalgici di una musica che sembra ormai scomparsa. Semmai l'unico dubbio viene proprio dal target a cui è destinato; è pronto il pubblico attuale per un netto tuffo indietro, che tanto sa di revival smithsiano?
A voi la risposta.

Tracklist
1. America Is Not the World
2. Irish Blood, English Heart
3. I Have Forgiven Jesus
4. Come Back to Camden
5. I'm Not Sorry
6. The World Is Full of Crashing Bores
7. How Can Anybody Possibly Know How I Feel
8. First of the Gang to Die
9. Let Me Kiss You
10. All the Lazy Dykes
11. I Like You
12. You Know I Couldn't Last

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close