Menu

Interviste

Intervista ai ROSOLINA MAR

Gruppo validissimo della scena indipendente italiana, i Rosolina Mar riescono ad unire con estrema facilità sonorità rock, blues, math rock e noise….con un leggero tocco, a mio avviso, di psichedelica che non guasta proprio. Insomma per usare un termine sintetico, seppur riduttivo ed abusato, Post Rock.

Intervista di enop3


Intervista ai Rosolina Mar, dopo il festival di ‘Musica Nelle Valli’ tenutosi a Finale Emilia il 29 ed il 30 di maggio. L’intervista è stata effettuata in maniera un po’ formale, nel senso che il giorno del concerto ho avuto modo di parlare con i componenti del gruppo, molto simpatici e disponibili; però io non avevo alcun tipo di strumentazione per registrare l’intervista e sia loro che io eravamo anche un po’ sbronzi, quindi di comune accordo abbiamo deciso di fare il tutto via e-mail.
BRUNO VANESSI, ENRICO ZAMBON : chitarre
ANDREA BELFI : batteria
Gruppo validissimo della scena indipendente italiana, i Rosolina Mar riescono ad unire con estrema facilità sonorità rock, blues, math rock e noise….con un leggero tocco, a mio avviso, di psichedelica che non guasta proprio. Insomma per usare un termine sintetico, seppur riduttivo ed abusato, Post Rock.

Enop3- mmm bene… da dove venite ?

Rosolina mar- Siamo tutti e tre di Verona e provincia. Più precisamente Andrea abita a Parona di Valpolicella(dove fanno l’omonimo vino), Enrico abita nel quartiere Ponte Creancano a Verona, e Bruno viene dal lago di Garda, ma ora è un abitante dei monti della Lessinia in Valpantena.

E3- Cosa vuol dire Rosolina Mar e perché avete scelto questo nome ?

RM- Rosolina Mare è una località balneare in provincia di Rovigo, tanto cara a tutte le famiglie norditaliane medie negli anni 70-80. E’ un luogo un po’ felliniano, un po’ trash, e che un po’ fa parte delle nostre vacanze da piccini. E’ bello visitarlo in primavera, è tutto piuttosto decadente; avete presente la Rimini in inverno di ‘ Il primo giorno di quiete ’ con Alain Delon? I colori e l’atmosfera sono più o meno quelli: grigio-azzurrino.
Rosolina Mar è anche un bel nome e ci suonava bene. E poi è situata nelle vicinanze della foce dell’Adige. La porta sul mare per il posto da cui veniamo…

E3- Da quanto tempo suonate, e da quanto insieme ?

RM- Suoniamo tutti da quando eravamo degli adolescenti brufolosi. Insieme suoniamo dall’autunno del 2000. Prima eravamo in 4, 3 chitarre + batteria, poi Marco de Togni si è spostato dall’Italia per lavoro e così siamo rimasti in 3 nel Febbraio 2001. Enrico e Bruno suonavano prima negli S101 con cui facevano un Noise-Rock molto granitico, mentre Andrea ed Enrico suonavano nei Superplatani, gruppo pop-rock tipo Jawbreaker.

E3- Bene, quali sono le vostre influenze musicali ? E quanto incidono sulla vostra musica ?

RM- Le nostre influenze musicali sono molte e molto eterogenee. E incidono moltissimo nella musica che facciamo. Molto spesso citiamo degli stilemi classici di band che vanno dal rock anni ’60 all’Rn’B contemporaneo, ovviamente con una buona dose di autoironia. Ultimamente Bruno va matto per l’ultimo disco di Bobby Conn, Andrea per il live album dei Grand Funk Railroad,
Enrico per le compilation Northern Soul dell’etichetta Kent.

E3- Voi siete prodotti dalla ‘wallace records’, com è lavorare con questa etichetta ? E che rapporti intercorrono tra voi e Mirko Spino, e tra voi e le altre band ?

RM- Lavorare con Mirko è una bella cosa. Con lui gozzovigliamo con piacere, ci lega un filo eno-gastronomico oltre che musicale. Perciò i rapporti tra noi sono buoni. Tra le band Wallace che meglio conosciamo e che ci piacciono ci sono i R.U.N.I. e i From Hands (e Sedia). Con questi ultimi ragazzi marchigiani abbiamo anche registrato delle cose. Poi c’è Fabio Magistrali, un supporto molto importante per noi .

E3- Dove è possibile reperire il vostro materiale musicale ?

RM- Ai nostri concerti, dal sito wallace (www.wallacerecords.com), nei negozi che si servono dal distributore Audioglobe.

E3- Io vengo da una realtà particolare, Bologna, dove la musica indipendente è più facilmente reperibile, come è la situazione nel resto dell’Italia, dov’è che avete più risposta di pubblico ?

RM- Beh, forse ci sono un po’ meno concerti a Verona che a Bologna, ma la musica indipendente
è facilmente reperibile anche qua. Siccome stiamo facendo concerti in maniera più consistente solo da pochi mesi, purtroppo non abbiamo ancora avuto il piacere di testare le zone d’Italia oltre al nord. Il pubblico veronese è sempre molto caloroso con noi, e ultimamente c’è stata una buona risposta di pubblico anche a Trento, Milano e anche a Modena a ‘Musica nelle Valli ’.

E3- Ho notato una cosa meravigliosa: sul palco mentre suonavate; avete riso tutto il tempo, vi guardavate in continuazione e vi scambiavate questi sorrisi molto sinceri; mi sono girato ed ho visto che eravate riusciti a trasmettere il tutto anche al pubblico che rideva con voi, sembra che tra di voi ci sia una sintonia pazzesca. Cosa rappresenta per voi suonare dal vivo ?

RM- Suonare dal vivo è per noi la cosa più divertente, e siccome ci divertiamo un sacco a suonare il nostro rock, la gente se ne accorge e si diverte assieme a noi.

E3- Avete un nuovo album pronto ? quando e con quale etichetta uscirà ?

RM-No, non abbiamo un album pronto nel vero senso della parola. Abbiamo si un po’ di brani nuovi, ma ora abbiamo bisogno di suonarli dal vivo, cosicché prendano una loro quasi-forma. Per ora cerchiamo di portare a termine il percorso di questo album, anche se è stato registrato quasi 2 anni fa.

E3- Un’ultima domanda: mi ha incuriosito il titolo di un vostro brano, ‘la basetta scolpita nella roccia’…..ma cosa vuol dire?

RM- Devi sapere che ci piace giocare, oltre che con le note, anche con le parole; nel nostro caso, con i titoli dei brani. ‘La basetta scolpita nella roccia’ non significa null’altro che ‘La basetta scolpita (nella roccia)’. Hai presente le basette scolpite? No? Allora fiondati dal tuo barbiere…a tuo rischio…
Tra l’altro, e’ il brano piu’ antico dei rosolina.

E3- Grazie ragazzi…..

Per informazioni più dettagliate sulla biografia, discografia ed altro vi consiglio di visitare il sito www.rosolinamar.com e per ascoltare mp3 e ordinare album della band il sito www.wallacerecords.com.

Recensione di “Rosolina Mar”, album di debutto dei Rosolina Mar

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Articoli correlati

Close