Diane And The Shell – The Red EP

Diane And The Shell – The Red EP
-

Tracklist


    Web

    Sito Ufficiale
    Facebook

    Un tempo Catania era definita la Seattle d'Italia. Di quella Seattle ora rimane ben poco.
    E da quella Seattle spuntano fuori i Diane And The Shell, band nata nel 1997 e che alle pendici dell'Etna ha coltivato un proprio suono che va ad aggiungersi a quel panorama post-rock, che in Italia va ampliandosi sempre di più dopo il successo, anche in terra straniera, ottenuto da band come Giardini Di Mirò o Gatto Ciliegia Contro Il Grande Freddo.
    “The Red Ep”, esce nel 2003 a sei anni dalla formazione della band.
    Melodie minimali, sintetiche, malinconiche che riescono però a colpire l'ascoltatore. Come l'iniziale “Different shapes of scandinavian landscape”, con quel delicato xilofono che martella per quasi tutto il brano prima di lasciare spazio alla caotica uscita dove la batteria comincia a dettare i tempi mentre le chitarre esplodono in nevrotici e semplici riff.
    Le dolci e quasi accennate melodie di “Two Miles To The Next Fuel Station”, trasportano a “Gregor”, il pezzo migliore dell'ep, con le chitarre che si intrecciano e vanno creare atmosfere buie e sinistre dove si insinua un cantato volutamente svogliato e afono, e con un finale che merita particolare menzione.
    La successiva title-track, “tipica” canzone post-rock, ricorda molto i primi Mogwai, soprattutto per quanto riguarda la batteria.
    Concludono l'ep “Thank You. Goodinght”, una sorta di ninnananna da film horror, e la sperimentale “Under Tv-Light”, con chitarra acustica sconvolta da inumani lamenti.
    Ed arriva anche la bonus-track. I Diane And The Shell mettono piede alla distorsione e torturano le orecchie con un noise rock tagliente e spigoloso, davvero ben fatto.
    Se c'è qualcosa che non convince a pieno, è la voce, forse un po' troppo svogliata, in certi tratti quasi stonata. C'è comunque tempo e modo per migliorare, visto che questo ep ci mostra una band in grado di poter fare qualcosa di importante.

    Tracklist
    1. Different shapes of scandinavian landscape
    2. Two miles to next fuel station
    3. Gregor
    4. Diane and the shell
    5. Thank you, good night
    6. Under tv light
    7. (ghost track)

    Altre Recensioni

    No related posts.



    News