Menu

Recensioni

P.G.R. – D’anime e D’animali

2004 - Universal
Rock / Art Rock / Elettronica

Ascolta

Acquista

Tracklist

01. Alla pietra 9 luglio 2003
02. Casi difficili
03. Divenire
04. Orfani e vedove
05. Tu ed io
06. I miei nonni
07. Io e te
08. Cavalli e cavalle
09. S’ostina
10. P.G.G.G.R.
11. Si può

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Resistono i PGR, anzi, resiste Giovanni Lindo Ferretti con la sua caparbia determinazione di uomo arcaico e monastico lanciato un po’ per caso in questo mondo di uomini. Storie di uomini che possono incontrarsi o lasciarsi. Ed è questo il caso di Ginevra di Marco e Francesco Magnelli che abbandonano la nave in odore di arenamento. “Chi c’è c’è chi non c’è non c’è” recitava Ferretti in tempi non sospetti, anche se a lui la rima riesce meglio. Ad esserci ci sono ancora Gianni Maroccolo, Giorgio Canali e Giovanni, 3 G che formano il nuovo acronimo PGGGR (P.G³.R – Però Gianni Giorgio Giovanni Resistono) che è anche la 10° traccia di questo D’anime e D’animali.

E con loro resistono, con tanto di cappello, la tenacia con cui si mettono in gioco ogni volta e quella veemenza dei vecchi CCCP e dei migliori CSI.

Un disco rock senza troppi fronzoli, nato di getto dopo il forfait di Magnelli e Di Marco, da un fascicolo (“Orfano di Sinistra”) scritto col pugno e carico di rabbia. Sarà che il terzetto ha raggiunto una maturità spirituale ed artistica indipendente dalla pesante eredità Cccp-Csi : Maroccolo con Acau il suo primo progetto solista, Canali con il suo arrabbiato RossoFuoco e Ferretti con la sua scuola d’Arte a Bologna. E’ con questa consapevole maturità che compongono le tracce: nessuna leggerezza elettronica, nessuna divagazione stra-colta ad appesantire testi già crudi di loro, ma anzi un’inedita dolcezza in pezzi autobiografici come I miei nonni o Cavalli e Cavalle. Non che Ferretti sia diventato improvvisamente un idolo del Pop, leggiadro e spensierato, questo mai : Giovanni è sempre duro e profondo, doloroso e greve. Ora anche di più. Si diverte ad addentrarsi nell’amore carnale con Tu e Io, poi passa a un testo politicamente forte, Casi difficili, nel quale incontriamo la novità di una contaminazione Pop nel reale significato di “popolare” tramite l’utilizzo della tamorra, brano in cui critica l’assurdità di un certo volontariato e provoca : “Se il mondo non vi piace, arruolatevi!”.

“Fottiti tecnica, vaffanculo impianto, comincia la festa” ritornello di Alla Pietra, il singolo distribuito in Rete, sembra l’inno di un ritorno alle origini, diretti ed efficaci, ai tempi di quando preferivano il mondo “giovane e forte, odorante di sangue e fertile” come declamava Ferretti nei CSI.
Abituati agli ultimi bei lavori l’assenza di una voce femminile e del piano si fanno sentire, eppure non si fanno desiderare. Un lavoro che scorre facile alle orecchie, forse troppo, ma si tratta pur sempre di una nuova metamorfosi, starà a loro decidere se di transizione o di arrivo.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close