Menu

Recensioni

Nativist – Ghost Empire Of The Dead Horses

-

Ascolta

Acquista

Tracklist


Web

Sito Ufficiale
Facebook

A volte sorge spontanea una domanda: perchè andare sempre a cercare all'estero il più sconosciuto e derivativo gruppo underground capace per lo più di copiare a man bassa dai nomi più conosciuti quando in Italia si stà sviluppando un'ampia scena indipendente dalle ottime qualità e grandissime aspettative, che spazia tra i generi più disparati? Stanno infatti emergendo una miriade di ottime etichette e gruppi che possono sicuramente dire qualcosa più che semplicemente a livello nazionale.
Ultima ottima uscita su questa scia è il nuovo autoprodotto dei Nativist, che con “Ghost Empire Of The Dead Horses” arrivano alla loro seconda fatica.
Un lavoro di ottima fattura, pieno di sfumature che rimandano in tante direzioni, senza mai scopiazzare e sempre rimanendo piuttosto originali. Un suono veramente potente tra post-hardcore e nu-metal, 35 minuti belli spinti e mai scontati o sottotono che scorrono bene, coinvolgono e crescono sempre più ad ogni ascolto.
Nessuna canzone da segnalare in particolare, perchè a parte qualche momento, il tutto si amalgama e suona alla perfezione.
In definitiva ottima prova di tutto il gruppo, soprattutto quella del cantante energica e intensa dall'inizio alla fine come pochi altri ultimamente.
Per finire in bellezza perfetto anche il formato del disco in digipack con un gran bell'artwork.
L'unico interrogativo rimane di aspettare a vederli dal vivo e vedere se saranno in grado di replicare la loro energia e il suono, ma sicuramente non ci deluderanno e ci daranno un'ulteriore conferma sulle loro capacità.

Tracklist
1) The A Song
2) Six Hours Of Sleep Have Flown
4) Asking Trademark But Never Answer Back
5) Bonelli
6) My Big Trouble
7) Speakin' About Garden (And Having Sex)
8) Furthest Horizon

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close