Menu

Recensioni

A Toys Orchestra – Cuckoo Boohoo

-

Ascolta

Acquista

Tracklist


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Del precedente “Job” se n'era parlato stra-abusando il comodo e scomodo nome dei Pavement. Cosa che probabilmente a gli A Toys Orchestra, non è andata poi così giù. O più semplicemente, la band è cresciuta e quella bella espressione che risponde al nome di lo-fi, per questo “Cuckoo Boohoo”, non va più bene.
“Cuckoo Boohoo”, che sembra qualcosa di allegro e spensierato, nasconde delle insidie. Proprio il titolo, dopo una rapida consultazione del vocabolario si svela essere “Il Pianto Rumoroso Del Cucù”, animaletto tanto simpatico quanto malinconico, sempre pronto a segnalare senza pietà il tempo che scorre inesorabilmente, senza la minima possibilità di poterlo fermare o rallentare.
Ed ecco “Peter Pan Sindrome” (non stava a Stoccolma vero?), con i suoi echi e i suoi continui cambi di ritmo, che vanno a sfociare nell'asfissiante noise finale. Perfetta la voce aspra di Enzo, accompagnata da quella decisamente più dolce di Ilaria.
Altra storia in “Panic Attack #1”, una via di mezzo tra un elettro-punk isterico e un elettro-pop decisamente più rilassato. Quello che resta è “elettro”. Per sottolineare che la band salernitana riesce ad affiancare perfettamente le chitarre, in bilico tra post-punk e rock più “classico”, a tastiere, samples e rumorini elettronici, che vanno spesso a delineare melodie che la parola “lunari” definisce alla perfezione.
Tra queste fa la sua bella figura “Loco Motive”, a ricordare i romantici Blonde Redhead, con qualche interferenza firmata Lali Puna.
A seguire “Elephant Man”, piano e voce, la canzone che non ti aspetti. “Modern Lucky Man”, quella che ti aspetti, perfettamente Pavement. Piacevole, ma forse non ce n'era la necessità.
E passando per una “Panick Attack #2” non convincente come la #1, si arriva alla conclusione, con l'apocalittica “Asteroid” con il suo crescendo ipnotico e minimale al tempo stesso.
“Cuckoo Boohoo”, una raccolta di giochi inventati e costruiti da un'orchestra giocattolo, che diverte, emoziona e fa ben sperare per il futuro, sempre che ci sia ancora la voglia di giocare.

Tracklist
01. radio tsunami
02. peter pan sindrome
03. panic attack #1
04. hengie: queen of the border line
05. loco motive
06. elephant man
07. modern lucky man
08. 3 minutes older
09. panic attack #2
10. three withered roses
11. 1000 flaming dragonflies
12. asteroid

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close