Menu

Interviste

Intervista ai MAGAZINE DU KAKAO

Vengono da Cuneo, hanno un feeling particolare con il vino, e si schierano contro le mietitrebbie. Anche le mietitrebbie si schierano contro di loro.
Sono i Magazine Du Kakao

Intervista di Zappo

Beh…cominciamo col nome…Magazine Du Kakao…credo meriti una
spiegazione…

Il nome Magazine du KaKao è nato agli albori della nostra formazione: allora, definimmo così una situazione non molto chiara, nella quale ci trovavamo particolarmente coinvolti, alludendo alla sensazione provata nel ritrovarsi persi all’interno di un magazzino stracolmo di cacao in polvere, galleggiante nell’aria….
Crediamo non sia troppo difficile immaginare la strana sensazione di smarrimento che si prova nel ritrovarsi in un ambiente confinato ove l’orientamento può essere condizionato da una miriade di granellini di cacao, che ti avvolgono, confondono, possiedono…
Per farla breve, può anche essere inteso come il ritrovarsi nella merda fino al collo!

Il vostro è un crossover intelligente, sia dal punto di vista musicale che da quello dei testi, ironici e folli al punto giusto. Ma voi siete intelligenti o siete solo pazzi?
I MAGazine du KaKao sono dei pazzi intelligenti!

Crossover…capita troppo spesso che alla parola crossover venga associata quella brutta cosa con le chitarrone pesanti e il tipo col cappellino che ci reppa sopra, che passa su mtv e figlie. Gente come Patton non ha insegnato niente?
Effettivamente questo frangente musicale è visto in maniera errata, soprattutto in Italia, dovuto principalmente al fatto che troppe bands si definiscono crossower solo per il gusto del termine!
A volte si fraintende, considerando tale ogni gruppo avente chitarroni pesanti e nient’altro, mentre invece riteniamo che esso voglia esprimere qualcosa di più, come una forma di pensiero che vuole unire più gusti, più generi e perché no, più ambiti musicali.

Mi ha incuriosito molto il vostro ironico ringraziamento alle band che amano “politicizzare” i loro testi. é un riferimento particolare o è questo atteggiamento in generale che vi irrita?
Questo atteggiamento ci irrita molto.
I gruppi che usano politicizzare i testi delle proprie canzoni sono, il più delle volte, finanziati dai partiti politici stessi.
è facile fare propaganda con la musica!
Troppo facile….. basta non essere ispirati e scopiazzare ciò che qualcun’altro ha già detto!
Lo stesso Cap…..za, tanto gettonato ed applaudito per l’estrosità dei sui brani, nasconde un significato all’interno degli stessi che lascia parecchio a desiderare….
Visto che la musica è nel contempo
un’importante strumento divulgativo, perchè sprecarlo nel raccontare cose scontate?

Nel disco è presente, oltre alla versione originale, il remix di “Ecce Homo”. Qual’è la vostra opinione sui remix? Pensate in futuro di remixare altri brani?
L’idea di usare la tecnologia odierna per fare musica ci piace parecchio: credo ne faremo buon uso anche in futuro, soprattutto in funzione del fatto che Clod (tastiere riflessive) ne è cultore in materia, nonché reduce da esperienze musicali molto tecnologiche con il progetto band “Wireframes”.

Com’è nata la collaborazione con Olly degli Shandon in “Ali Di Farfalla”?
Abbiamo avuto occasione di suonare insieme circa 2 anni fa: a fine esibizione arriva Olly con faccia stupita e ci fa un sacco di complimenti, insieme a tutto il resto degli Shandon al completo…
In una seconda occasione si è parlato di una collaborazione che vedeva Olly cantare il nostro pezzo e così è stato…

-“Mietitrebbia”: pezzo autobiografico o frutto di serate ad alto tasso alcolico?
Questo è il pezzo “Incognita” del disco: svariati approcci sono stati considerati dalla critica a riguardo del significato di questo brano e solo una persona ne ha riconosciuto l’effettivo messaggio!
Strano a dirsi, il pezzo è molto serio, anche se trattato con aggettivi ironici: riguarda l’effettivo ritardo provocato da una mietitrebbia circolante libera su strada comune…

Per quanto riguarda videoclip, televisione ecc., i Magazine Du Kakao come sono messi? Mtv aspetta che vi compriate un cappellino?
A questa domanda risponderò quando avremmo proposto il primo video alle emittenti televisive!
Per ora posso anticipare che ci sono in ballo dei validi presupposti…

E Cuneo, dal punto di vista musicale com’è messa? Ci sono i Marlene Kuntz, ci sono i Magazine Du Kakao. C’è altro?
La scena musicale underground della provincia di Cuneo è ricca di talenti
La cosa che più ci frega è la mentalità piemontese in genere: tolto alcuni esempi di locali nel torinese, non esistono altre tappe (Nuvolari Libera Tribù escluso) dove un gruppo musicale possa andare a sbattere il naso!
Questo aspetto è molto triste, ma allo stesso costringe la band stessa a spostarsi e proporsi verso confini più lontani.
Anche questa è fatica, anche questa è possibilità di girare l’Italia.

Come procede la vostra attività live? C’è qualche data che volete ricordare?
L’esibizione live è uno dei nostri punti forti: il concerto è visto da noi come forma diretta di espressione e divulgazione di pensiero. Solitamente il riscontro con il pubblico è positivo, soprattutto per ciò che riguarda il coinvolgimento emotivo con la musica e con i testi che, essendo prettamente italiani, risultano essere di facile comprensione.
Queste le nostre prossime date:

12/11 TORINO_ SuperMarket , Tappa del ROCK TV TOUR_ In diretta su Rock TV
13/11 VERCELLI_ C.S. Mattone Rosso
14/11 BELVEDERE LANGHE (CN)_ Tapas
21/11 PAVIA_ Thunder Road
19/12 SONDRIO_ Mambo Club
07/01 AREZZO_ Transilvania
22/01 REGGIO EMILIA_ Transilvania

Groupies…alla fine è questo ciò che interessa…come va sotto questo punto di vista?
NO COMMENT (noto una velo di tristezza in questo “no comment”)

Mi svelate l’indovinello del contadino che deve piantare quattro alberi reciprocamente equidistanti, che avete proposto nel booklet del vostro album?
NO COMMENT (io ci ho provato…)

Abbiamo finito. Questo spazio è dedicato a voi. Potete dire tutto quello che volete, tutto tutto, che tanto a noi non ci censura nessuno…
Niente di scandaloso, ma solo un pensiero che ci rende gioiosi.
La più grossa soddisfazione per i MAGazine du KaKao è quella di essere riconosciuti come gruppo che si distingue nell’oceano musicale.
Oggigiorno questo è importante, perché implica una riconoscenza di originalità; come un marchio, un simbolo che certifica la qualità di un prodotto.

www.magazinedukakao.it
www.kickagency.com

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Articoli correlati

Close