Menu

Recensioni

Black Eyed Snakes – Rise Up

-

Ascolta

Acquista

Tracklist


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Avevo sentito i Low, prima che salissero sul palco i mostri sacri di questo tunnel millenario, i signori Radiohead. Ho bei ricordi di quei momenti, ma non mostravo molta attenzione per il trio che cercava di diffondere il suo ambient-rock… Se su quel palco fossero saliti i Black Eyed Snakes sarebbe stata tutt'un'altra musica!
Tra i primi e i secondi c'è un importante anello di congiunzione: Alan Sparhawk from Duluth, Minnesota. E' il titolare del primo gruppo quanto lo sia del secondo. La cosa più sorprendente è l'estrema lontananza tra i due gruppi. Nella musica dei Low c'erano modelli di architettonica musicale molto più vicini a Sigur Ros o ai nostri Giardini di mirò. Metto il disco dei Black Eyed Snakes e scopro che sono i nipotini degli Stooges. E' uno scoop! Principeschi nelle distorsioni, amanti passionali del noise e dei filtri vocali. Tutto ciò cucinato nel gran vecchio calderone del blues… Potranno assomigliare ai fratellini White, ma qui c'è molto più “anni '70” di quanto ce ne sia nell'ultimo lavoro dell'iguana. L'efficacia di “No good Daddy” si scontra con la sua durata assolutamente improponibile per la commercializzazione radiofonica. Un bene!
Tutto l'album vive di episodi garage imponenti e senza esclusioni di colpi. I riffettini di chitarra elettrica sono le colonne portanti di ogni canzone, come nella migliore tradizione rock americana (e non solo). Organico solo con se stesso, il disco sembra essere stato registrato in una sola sessione, “semi-live” oserei dire.
“Rise up” è un disco per niente scontato, una macchina temporale che si nutre delle vibrazioni dei feedback, di pestaggi ritmici e di microfoni gracchianti. Impossibile interromperne l'ascolto. Non ci credete? Provateci voi allora…

P.s.: Provate anche a distinguere la voce dalla chitarra in “Shine-ola”. La voce è talmente distorta che si compenetra e confonde con il rumore delle corde. Spettacolo!

Tracklist
1 Rise Up!
2 Foresight
3 Mexican Half-Stick
4 Good Woman Blues
5 Cornbread
6 Red Sheet
7 No Good Daddy
8 Bo Diddley
9 Hillside Stomp
10 In a
11 Shine-Ola
12 Hillside Stomp (Reprise)

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close