Menu

Recensioni

Lowgold – Welcome To Winners

-

Ascolta

Acquista

Tracklist


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Ci sono volte in cui la musica ha più bisogno di noi di quanto noi abbiamo bisogno di lei. Ognuno ha il sacrosanto diritto di esprimere e di esternare al mondo la propria arte, ma un artista senza pubblico è come un professore senza alunni: non c'è comunicazione nè apprendimento! Tutto diventa inutile…
Ecco dov'è il grande ruolo del pubblico, se qualcuno se lo fosse mai chiesto.
Anche i Lowgold hanno qualcosa da dire, e probabilmente avranno anche un pubblico che li sta a sentire. Come facciano non lo so… non perchè siano cattivi, assolutamente. Le loro canzoni sono leggere e spensierate, ottima colonna sonora di un 17enne della provincia del Kent che spera di conquistare un giorno la compagna di classe magari facendole sentire una canzone sdolcinata del suo gruppo preferito. Lontani anni luce dal mio pianeta. Devo essere sincero (come lo sono sempre stato)? Io non ho bisogno dei Lowgold… del loro britpop alla Travis, ma molto più scontato e meno succulento. Sarà un cd fatto con pochi mezzi (musicali… ma anche mentali) ma i Lowgold viaggiano su un aereo senza ali. Anche negli episodi più melodici e più lenti c'è l'impressione che sulla canzone ci si poteva lavorare di più e meglio… o magari ricominciare tutto da capo!
Forse il risultato migliore lo raggiungono in “Keep your gun dry”, una ballona elettro-melodica che se cantanta in islandese da una voce più acuta e distorta sarebbe stato un bel prodotto degli osannatissimi (e mai troppo) Sigur Ros. Il resto è la solita minestra riscaldata che unisce i (già citati) travis, doves, fountains of wayne… la pietanza però è decisamente insipida! Cameriere, il conto prego…

Tracklist
1.Quiet times
2.We don't have much time
3.The same way
4.Let me into yours
5.Means to an end
6.Just a ride
7.Keep your gun dry
8.Famous last words
9.Clear the skies
10.Fade down
11.Save yourself

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close