Menu

TORPEDO – Montefiascone(VT), 06/05/05

Se la “provincia” è solitamente considerata ignorante e bigotta, quella in cui viviamo noi toglie ogni dubbio alle dicerie.

di SKA & Fra

Dopo una buona e vasta opera di pubblicizzazione dell’evento sul territorio, dopo aver apprezzato che, sì evviva anche da noi portano dei bei gruppi Live, ci saremmo aspettati una ressa asfissiante ad assistere al concerto dei Torpedo.
Mai aspettativa fu più delusa.
Al circolo di bocce qualche centinaio di metri più in là c’era sicuramente più gente nonchè più entusiasmo e partecipazione.
Le buone organizzazioni della Wayout e del locale (Lenox di Montefiascone) assieme alla carica della band sono andate inesorabilmente a scontrarsi contro l’aridità mentale radicata in questa bella provincia viterbese.
Partendo da questi presupposti non ci si può di certo una serata da segnare sul calendario o di cui tenere menzione: la miscela ska-rocksteady di un gruppo divertente come loro nulla ha potuto contro la nullità imperante nel locale, sia per la fisica assenza di materiale umano, sia per (oltretutto) la quasi totale non-curanza dei pochi presenti. Salvo per quel grappolo di ragazzi che ha provato ugualmente a divertirsi in pista, magari anche solo per temporanei stimoli filantropici. Onore e gloria agli uomini di buona volontà.
In tutto questo i Torpedo hanno snocciolato il repertorio classico del loro “L’ingranaggio Tour”, tra i pezzi che siamo riusciti a ricordare annoveriamo Stelle, “Tigre contro Tigre”, l’ormai storico cavallo di battaglia Le mani sopra Roma (ripresa sul finale nel tentativo, rimasto ovviamente vano, di coinvolgere la decina di persone rimaste) F.M.(il Dittatore), Nuoce gravemente alla salute e i potenti pezzi Apparecchio Mediatico e Atomico che sono riusciti a far vibrare per qualche instante la sala.
“Ci dispiace per le coppiette che sono venute qua per pomiciare, ed invece si sono ritrovate noi” ironizza Andrea. A noi invece dispiace che siano capitati da queste parti.

Più che di un reportage ha preso la strada di una denuncia sociale, ma era inevitabile, a queste condizioni non è neanche valutabile/apprezzabile a pieno la prova musicale. A noi dispiace per i gestori del locale che hanno riversato la loro fiducia su di una serata ska-rock from Rome, ma di più per i Torpedo che si sono ritrovati all’interno della provinciale idiozia con cui noi, invece, siamo costretti a convivere giornalmente.
Consiglio per il futuro da queste parti : travestitevi da “Costantini” o partecipate al Grande Fratello.
Ci sarà il pienone.

SKA & Fra

Intervista ai Torpedo
Recensione de “L’ingranaggio”

Sito Ufficiale
Wayout Eventi

Le immagini sono tratte dal sito ufficiale della band e sono quindi, ovviamente, di repertorio

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Close