Menu

Recensioni

The Perfect Guardaroba – Untidy

-

Ascolta

Acquista

Tracklist


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Boyz, ebbene sì: l'estate 2005 è arrivata! A ricordarcelo sono oramai in tanti… Il festivalbar, il cornetto algida, la finale di coppa italia e le prime voci di calcio mercato, la sparizione illusionistica di maria de filippi e i suoi discepoli dagli schermi di canale 5, le lovely-teens che per strada mostrano la prima abbronzatura, per non parlare dei tuoi amici che vanno al mare ogni fine settimana e che ti scherzano ogni volta che ti incontrano per il bianco candore dermico, risultato del riflesso delle pagine dei libri su cui ti deprimi ogni weekend a domandarti perchè cazzo non hai scelto scienze politiche… L'ultima è successa ieri: un amico mi incontra per il corso e mi fa “Ma lo sai che hai fatto bene a tagliarti i capelli? Si nota meno che non sei abbronzato… con i capelli lunghi c'era troppo contrasto con il pallore della tua faccia.”
Ah, grazie.
L'estate… una delle mie preoccupazioni più profonde che riguardano l'arrivo della calura, delle mosche, dei gelati e dei bikini è trovare della buona musica estiva. Nuovi trends si impongono mentre gli impegni si diradano e il calendario è il posto migliore dove effettuare i nostri count-down pre-concertoni estivi. Vi dispenso allora un consiglio in questo 21 giugno che potrà tornarvi utile quando dopo aver pogato contro le spalle di una tipetta piercing-munita che non vi ha risparmiato una gomitata nel pancreas e ridendo vi ha urlato uno “scusa” tanto incomprensibile quanto impercettibile dal vostro orecchio umano (sempre che voi lo siate), stramazzerete rantolando al suolo. Riprendendo conoscenza vi accorgerete allora che la tipa in questione non solo vi ha portato via dalla calca inumana, ma vi ha anche preso un heineken (calda, perchè quelle fresche sono finite dall'anno scorso) e ve la offre. Quando poi porterete alla bocca il verde vitreo collo e riempirete la vostra mucosa orale di giallo liquido maltoso lei finalmente, guardandovi prima negli occhi e poi abbassando lo sguardo colpita da un fremito d'adolescenziale timidezza vi dirà “Mi devi 3 euro per la birra”.
E tu mi devi 5 giorni in rianimazione, causa emorragia interna, troia!
Lo pensi, ma non lo dici. Il secondo pensiero è dire qualcosa di intelligente per far colpo su di lei, ma dalla bocca ti esce un “Porco dio” perchè la stronza ti tocca l'ematoma che comincia ad affiorare a metà strada tra il tuo ombelico e il fianco e con aria innocente ti sputa un “Ti fa male?”.
A tutti può capitare una situazione del genere, no? Volete uscirvene in maniera indie, romantica e colta al tempo stesso? Citate shakespeare citato dai The Perfect Guardaroba. La loro traccia 7 si intitola guarda caso “Romeo & Juliet”. Romanticismo garage-rock.
Se ritenete che i 2 cd degli strokes siano già un po' demodè, e quello dei franz ferdinand comincia a scricchiolare sotto i colpi dei maximo park, se pensate che il vostro hype non sia abbastanza up, se non avete nulla in contrario ad ascoltare 5 ragazzi di Senigallia che non si vergognano del loro inglese e sono in grado di dare una fresca ventata di rock'n'roll di alti livelli tra gli estivi raggi ipertermici del sole, allora questo è il disco che fa per voi. Bella la scarica adrenalinica che si sprigiona tra le 10 tracce, tutte molto energiche e ben suonate, tra riff e colpi (proibiti) di batteria a imprimere un ritmo coinvolgente e dissacrante. Probabilmente vi sembrerà qui e là di sentire qualcosa di già sentito… Mando Diao e Franz Ferdinand su tutti. Consigliato per gli insaziabili e i bulimici del genere.
Non so se s'è capito, ma su di me hanno avuto uno strano effetto… sarà stato l'assenzio contenuto nella custodia del cd?

Tracklist
1. n.d.city
2. I've got no hope
3. Mizumi
4. point of view
5. don't waste your time
6. can't stop loving you
7. romeo @ juliet
8. stereotype
9. 6 years after
10. superjack

N.d.R.
L'autore della sovrastante recensione ci tiene a comunicarvi queste precise parole :
“ho pensato di aggiungere un post, un p.s. scusandomi delle scurrilità; ma non ritengo di dovere delle scuse. Al massimo direi che non mi importa di aver offeso qualcuno, anche se sono cosciente del fatto che rientri nel cassonetto delle possibilità! E ora lasciatemi in pace…”

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close