Menu

A TOYS ORCHESTRA – Cuneo, 28/06/05

Anche quest’anno la rassegna musicale cuneese, il Nuvolari Libera Tribù, entra nel vivo con la performance dei campani …a toys orchestra

di viter

Il Nuvolari Libera Tribù di Cuneo ha riaperto oramai da una ventina di giorni… si entra quindi nel cuore della manifestazione.

Mi sembrava eccessivo “ripresentare” a distanza di un anno quasi la migliore manifestazione estiva sul territorio cuneese (e mi azzarderei a dire piemontese se si tiene conto del numero delle performance e del programma a disposizione, della durata dell’intera manifestazione e del rapporto qualità/prezzo) con il “solito” e annuale concerto di apertura degli Afterhours, visto che già molti ne parlano o ne hanno parlato e sicuramente da piazze molto importanti.
Mi ripresento dunque a Parco della Gioventù, ieri sera, dopo aver metabolizzato la prima fase della manifestazione con un bel concerto di Agnelli e compagni (soprattutto data la scaletta che ha sfornato una lunga serie di brani tratti da Germi e Hai paura del buio?) e la “semi-scoperta” (avendoli già orecchiati due stagioni fa, ma con minore attenzione – era la sera in cui festeggiavo la mia laurea) Perturbazione (gran bel concerto brioso, pieno di vitalità e soprattutto molto meno pop di quanto suoni l’album – almeno l’ultimo) e dopo i 3 “concertibomba” irlandesi (The International Noise Conspirancy, Silver Mount Zion Orchestra e – soprattutto – Slint), con la voglia di ascoltare qualcosa di nuovo, quelle belle chicche che tutti gli anni il Nuvolari sa offrire.

Ieri sera, si presentavano all’appello …a toys orchestra, band assolutamente sconosciuta, di cui però il nuvolibretto, parlava molto bene, accomunandone le sonorità a quelle dei Blonde Redhead.

Prendendo una birra con Marino mentre il gruppo insolitamente sta ancora preparando i suoni, dopo la performance dei DEN VAN STANTEN, veniamo a sapere che il concerto è stato a rischio a causa di un contrattempo incorso ai musicisti che li ha fatti arrivare a Cuneo poco prima dell’orario d’inizio previsto.
Il concerto per fortuna però si fa, nonostante questa situazione rocambolesca che almeno in parte si ripercuote anche sulla performance (si percepisce che il sound check sia stato fatto di corsa, un v“work in progress”), e come aveva garantito il nuvolibretto è davvero una bella scoperta. Persino uno come Filippo, abituato a ben altra musica (dico solo che prima del concerto ho dovuto ribattere con Emiliana Torrini e Perturbazione al Traffic Festival per venerdì sera, alla sua proposta di andare a Torino per Edoardo Bennato – è un bravo ragazzo, ma a volte è un po’ “vecchio”… :-) Filippo, sai che ti voglio bene), ha apprezzato tantissimo. Piacciono molto anche a Marino (un tipo di musica per lui che solitamente gradisce, senza sentire “Suo”), piacciono a Clara, meno invece a Stefania (cosa che mi stupisce un po’).
Un gruppo giovane, ma con belle idee. Indubbiamente il primo gruppo a cui ci fanno pensare è quello dei fratelli Paci, ma a mio avviso non ci si limita solo a quello, ed anche ora che, mentre scrivo, ascolto l’album comprato (unica nota forse non troppo positiva, quei due Euro sul costo “standard” del CD nei concerti di questo genere), mi vengono in mente tante altre cose: Godspeedyou! Black Emperor, Grandaddy, Yuppie Flu, anche se i suoni sono decisamente più “standard” sulle chitarre. I pezzi sono decisamente diversi l’uno dall’altro, aspetto sicuramente positivo nel momento in cui – soprattutto in live – non sai mai cosa aspettarti, sia all’interno di un singolo pezzo che nel complesso dell’intera scaletta, meno nel momento in cui viene da chiedersi quale sia la direzione si intenda intraprendere, tra le tante verso cui il gruppo si propone.
Questo non vuole assolutamente incrinare il giudizio senz’altro più che positivo di questa serata, ma cercare di ragionare su dei possibili punti deboli. Sono un gruppo che – nel piccolo della mia opinione – deve senz’altro fare ancora tanta strada, ma sicuramente le basi da cui parte sono più che positive.
Spero di poterli sentire ancora in futuro, magari senza i problemi di sound check incontrati ieri sera.
viter

www.atoysorchestra.com

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Close