Menu

Recensioni

Slugs – Bob Berdella Bizzarre Bordello

-

Ascolta

Acquista

Tracklist


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Vengono da Reggio Emilia gli Slugs e il loro esordio “Bob Berdella Bizzarre Bordello” è un disco che a primo impatto si potrebbe definire delirante. E non è certo una brutta parola “delirante”. Forti incursioni noise che appunto si infilano in forti richiami psichedelici, quelli di parecchi anni fa. Il tutto va a formare qualcosa che dire “indefinito” non è poi così sbagliato. Il pezzo inizia e non sai dove e soprattutto come finirà. Forse è questo il punto di forza di questo disco, la sorpresa.
Si parte con “Ed Gein” che nasconde dietro “classici” riff indieggianti un anima noise non indifferente che nella successiva “Green River Killer” plasma una ballata un po' folk e un po' punk rock. Ma è la successiva “Sand” ad essere forse il folle manifesto della follia compositiva della band. Chitarre, tastiere, fiati appassionatamente insieme vanno a creare un trascinante delirio sonoro a metà tra il free jazz e lo stoner rock. É il pezzo migliore del disco, che rischia di essere bissato dalla successiva “The Day They Put Down Land From Hollywood”, totalmente diversa in quanto a sonorità. Un'inquietante voce narra sopra un tappeto di sonorità tanto rock quanto desertiche, poi si spegne, e la follia sonora riprende il sopravvento, sotto forma di incursioni urlanti e chitarre potenti. Passando per il blues romantico e archeggiante di “Love Part Two” si arriva a “I Could Have Been A Contender”, chitarra acustica e voci intrecciate, dotata di una carica emotiva non certo minore della successiva “Impress Metal Packaging”, noise funk e punk, niente di più semplice. I 10 minuti di “Requiem For A Dead Rabbit” non sono riassumibili a parole, tanti sono i cambiamenti di stile e sonorità. Ascoltare per credere. Che non fa male. Perchè “Bob Berdella Bizzarre Bordello” è un disco dalle molteplici personalità capace di tenere incollato l'orecchio alle casse, magari anche un po' più distante, per tutta la sua durata, dote che non tutti i dischi possono vantare.

Tracklist
1.Ed Gein
2.Green River Killer
3.Sand
4.The Day They Put Down LAnd From Hollywood
5.Love Part Two
6.Salix Dead Tree
7.I Could Have Been A Contender
8.Impress Metal Packaging
9.So Fine
10.Low-FI Tangerine
11.Requiem For A Dead Rabbit

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close