Menu

MADAGASCAR


Scheda


Titolo originale: Madagascar
Nazione: USA
Anno: 2005
Genere: animazione
Durata: 88′
Regia: Eric Darnell, Tom Mc Grath
Cast: (voci originali) Chris Rock, Ben Stiller, Jada Pinkett Smith, David Schwimmer
(voci italiane) Fabio De Luigi, Ale&Franz, Michelle Hunziker
Produzione: DreamWorks
Distribuzione: UIP
Sito ufficiale:
Data di uscita: 24 Agosto 2005 (anteprima)
02 Settembre 2005 (cinema)


Il leone si è addormentato

Metti quattro amici a New York, anzi mettili nello Zoo della Grande Mela. Alex, il re leone, star e macchina da gadget per i visitatori, l’ipocondriaca giraffa Marlin, ossessionata da ogni tipo di malattia, l’ippopotamo Gloria, sicura e determinata, e Marlin la zebra che sogna verdi praterie mentre trotterella sul suo tapis-roulant. Sembra che vivano nel miglior posto al mondo tanto che quando Marlin, ispirato da pinguini maniaci del complotto e pronti all’evasione, propone di farsi un giretto nella natura i tre lo prendono per pazzo. La sua fuga nottetempo porterà, più per caso che per volontà, l’allegra combriccola a naufragare sull’incontaminata isola di Madagascar, popolata da una colonia di lemuri hippy e dediti a rave parties.
Se l’obiettivo di bissare il successo commerciale dei cartoon digitali degli ultimi anni può dirsi raggiunto ben diverso è il risultato cinematografico. A confronto di lavori come Shrek e Alla ricerca di Nemo questo è davvero un gioco da bambini.
I tipi della DreamWorks decidono di non calcare troppo la mano e imbastiscono una storia piuttosto banale dominata dai buoni sentimenti e dall’importanza dell’amicizia, destinata soprattutto agli spettatori più piccoli.
Ne viene fuori un film poco divertente, che diventa quasi noioso nella seconda parte, con pochissime gag che meritino di essere ricordate. I quattro protagonisti, sgangherati quanto basta, non vengono sfruttati fino in fondo, così come non lascia traccia alcuna la tribù dei lemuri, se non per l’inascoltabile (e inutile) adattamento/traduzione dell’hit disco I like to move it/Mi piace se ti muovi. Davvero divertenti solo i gaglioffissimi quattro pinguini in fuga (tra l’altro già ampiamente usati nel trailer) che strappano sorrisi in tutte le (poche) scene in cui compaiono. Il contentino ai cinefili è dato dalle numerose citazioni: da American Beauty a Momenti di Gloria, con un’inevitabile Cast Away e oltre. Troppo poco per tenere in piedi un film che tra l’altro dura appena 88 minuti.
Resta da applausi, come sempre negli ultimi anni, il livello tecnico dell’animazione (la resa dei peli della criniera di Alex e di quelli di tutti i lemuri è gestita in maniera ottimale) e non demerita nemmeno il tanto sbadierato doppiaggio italiano con Fabio De Luigi, Ale&Franz e Michelle Hunziker.
Dopo i dubbi già suscitati con Shark Tale questo è un passo indietro per la DramWorks che sembra davvero a corto di idee se per muovere a compassione lo spettatore è costretta a riciclare i dolcissimi occhioni del Gatto con gli stivali di Shrek per il piccolo lemure.

danypope

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni Cinematografiche

Close