Menu

Recensioni

Clap Your Hands Say Yeah! – Clap Your Hands Say Yeah!

-

Ascolta

Acquista

Tracklist


Web

Sito Ufficiale
Facebook

É inevitabile. Un disco così in un anno lo devi trovare. Un disco così maledettamente cùl in un anno deve saltare fuori, chissà da dove, e autoinfilarsi nello stereo, con la prospettiva di non uscire per, diciamo, parecchio tempo.
E, aspettando i Franz Ferdinand, in questo 2005 tocca a questo strano esordio. Clap Your Hands Say Yeah! si chiama. Così come il nome della band che lo ha forgiato. Clap Your Hands Say Yeah!. Uno slogan. Uno stile di vita. Insomma, un gran disco a dirla tutta.
Autoprodotto nel silenzio è poi esploso ringraziando calorosamente il passaparola dei bloggers di mezzo mondo. “Clap Your Hands Say Yeah” ha tutte le carte in regola per piacere a tutti e per non piacere a nessuno. Perchè in fin dei conti, la storia, alla prima passata, può sembrare sempre la stessa. Il solito alternative new wave che piace tanto adesso. Ma sotto sotto c'è qualcos'altro. Qualcosa di country, ok, condito da quella certa dose new-wave, che ci dev'essere, e ricoperto di vaghi richiami ai Modest Mouse.
Se poi ci mettiamo che sopra ci sta la voce di uno che probabilmente cantare non sa neanche cosa significhi, la cosa prende tutta un'altra piega.
La voce è sgraziata, invadente, stonata, fuori dalle righe, ipnotizzante, irresistibile, contagiosa, emozionante. Ok, qualcosa forse non vi sarà chiaro. Ma provate a credermi. É così, non c'è altro da dire.
Perchè se l'album è quello che è, ossia un opera originale, profonda e leggera al tempo stesso e soprattutto emozionante, gran parte del merito è di questa voce, le cui stonature così intonate risultano essere quel tratto in più che ci fa ricordare l'album, che ce lo fa tenere lì dentro lo stereo in perpetua rotazione. Sarà anche per le melodie, quelle semplici semplici, fatte anche con strumenti che qui in Italia etichetteremo come Bontempi, e chissà che non lo siano sul serio, ma che ti entrano in testa fin da subito, te la liberano la testa, e te la fanno ballare, insieme al resto del corpo.
“The Skin Of My Yellow Country Teeth”, è quasi epica. É sconvolgente, quando la voce dà il peggio di sè, in strazianti urla da cinghiale smarrito. Eppure non riesci a dire che non sia bella. Anzi. Premi parecchie volte tante volte ancora il tasto play. Ed in fin dei conti è proprio bella. Mistero o no, la cosa succede anche con “In This Home On Ice”, ma in tutto e per tutto, non c'è un episodio che demeriti.
“Clap Your Hands Say Yeah!” provoca dipendenza. Ed è commovente.

Tracklist
01. Clap Your Hands!
02. Let the Cool Goddess Rust Away
03. Over and Over Again (Lost & Found)
04. Sunshine & Clouds (And Everything Proud)
05. Details of the War
06. The Skin of My Yellow Country Teeth
07. Is This Love?
08. Heavy Metal
09. Blue Turning Gray
10. In This Home On Ice
11. Gimme Some Salt
12. Upon This Tidal Wave of Young Blood

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close