Menu

ROCK IN IDRO – Milano, 2-3 settembre

Rock In Idro, prima edizione. Schietto,sincero, telegrafico, insolito reportage. Per quello che in fin dei conti è un buonissimo festival.

reportage di manq

Ecco due commenti alla prima giornata del Rock in Idro.
Come prima cosa è assolutamente d’uopo ringraziare Ale Doni e Lo Ste che dal primo pomeriggio in avanti mi hanno alleviato dalla solitudine, permettendomi di godermi la giornata. Ho seguito più o meno tutti i gruppi del palco principale, ma ho visionato almeno per qualche secondo anche quelli del secondo palco in modo da farmi un’idea in merito. Nel complesso sicuramente un buon concerto, ricco di sorprese. Ora provo ad analizzare gruppo per gruppo.

Useless I.D.: causa anticipazione della scaletta (non annunciata, tra le altre cose) e eccessiva macchinosità delle procedure di ingresso ho perso metà abbondante del loro già striminzito live set, tuttavia per quel poco che ho visto mi sono parsi in gran forma. Da capire come mai al basso ci fosse Matt dei No Use. Nota di merito al chitarrista dei suddetti che mi ha fatto compagnia per un quarto d’ora durante il mio periodo di solitudine.
Tying Tiffany: inascoltabili.
Voicst: possono piacere. Non a me.
Love in Elevator: inascoltabili.
Super Elastic Bubble Plastic: ottimi. Mi hanno fatto una grande impressione. Non saprei bene dire che genere facciano, quindi sto schiscio e dico rock. Un plauso al batterista.
No Use for a Name: beh, poco da dire: dal vivo spaccano sempre. Nonostante i capelli allucinanti che adesso Tony Sly ha in testa, nonostante quella merda che è l’ultimo CD (da cui hanno suonato giusto 2 tracce, scelte tra le uniche tre decenti per giunta) e nonostante l’intro tecno con cassa martellante e gingle elettronico che intona No Use (trash come poche altre cose) hanno fatto la solita buonissima prestazione.
Nomoredolls: inascoltabili.
Juliette & the Licks: inascoltabili. Lei però è un bel vedersi, seppur agghindata da far ridere e impegnata ad imitare Iggy Pop.
Turbonegro: il primo dei due gruppi che mi ha ricordato come il rock’n’roll sia ancora bello vivo anche nel nuovo millennio. Musicalmente non potrei mai apprezzarli, ma live hanno fatto un grande show. Si presentano pittati e vestiti come i Village People, tutti tranne il cantante che riesce a fare di peggio giungendo sul palco conciato come Abbatantuono in Attila. Al grido di Party Animals sfornano un’oretta di puro rock’n’roll dissacrante, smettendo giusto al punto in cui avrebbero incominciato a stufare. Veramente pregevoli visti dal vivo. Nota di merito qui va al tastierista/chitarrista che per movenze e orgoglio gay pareva Pier Piero.
Pennywise: come detto non li avevo mai visti dal vivo visto che non stimo particolarmente la band. Devo ammettere che però sono stati una piacevolissima sorpresa. Si presentano discretamente ubriachi e senza aver fatto l’ombra di un soundcheck. Arrivano e dicono di essere volati qui all’ultimo momento, letteralmente, per rimpiazzare i Transplants. Convinti di suonare prima dei Good Charlotte li prendono per il culo per una buona decina di minuti. Iniziano a suonare e ci mettono 4 pezzi ad avere un suono non più imbarazzante, 6 per averne uno discreto. Fino a quel momento “avevo vergogna io per loro”, citando Lo Ste, ma da li in poi la questione cambia. I milioni di anni passati sulla scena vengono fuori tutti e i quattro iniziano a dominare il palco continuando pur sempre a non prendersi troppo sul serio. Vedere “Bro Himn” intonata da tutta quella gente è un’esperienza da farsi.
Vanilla Sky: li ho visti poco perchè ero piuttosto stanco, ma direi che hanno fatto il loro solito discreto lavoro.
The Hives: altra band che da cd non sopporterei per più di 3 minuti, ma che dal vivo spacca veramente una cifra. Rockstar nate. Nient’altro da aggiungere se non la frase della serata, ovvero quella pronunciata dal loro cantante: “I’m so cool that I would kiss me!”.
Fonzie: anche loro seguiti poco, ma abbastanza per definirli. Ennesima band HC melodico/pop punk. Stesse sonorità di mille altri gruppi, tuttavia hanno la scusante di essere portoghesi e quindi probabilmente originali nel loro contesto nazionale.
Offspring: hanno chiuso il tutto. Non li vedevo live da molto tempo e anche loro mi hanno sorpreso. Una scaletta validissima, con un buon 80% di pezzi vecchi, di quelli che piacciono a me insomma. Non nego che vedere Noodles coi capelli cortissimi e bianchi (si, bianchi…) mi ha fatto riflettere, però è stata una cosa momentanea. Sentire “Bad Habit”, “All I Want”, “Smash” e “Self Esteem” e vederlo li con la sigaretta in bocca mentre suona e salta ha cancellato ogni perplessità.
Domani si replica e le premesse per un’altra ottima giornata ci sono tutte.

Rock in Idro vol.2

Ecco qui due valutazioni anche sulla seconda giornata di concerto.
Anche in questo caso menzione ai compagni di viaggio, che oltre ai reduci della prima giornata annoveravano tra le loro fila anche Fà, Peich e Ciccio, quest’ultimo in grande spolvero soprattutto nel “pogo” cui ci siamo accidentalmente imbattuti.
Iniziamo quindi la disamina dei gruppi:
Viboras: la risposta italiana ai Distillers si dimostra molto efficace e divertente e si lascia apprezzare anche a chi non è particolarmente amante del genere (ad esempio me).
Hormonauts: Rock’n’Roll anni 50, sicuramente divertentissimo da vedere live. Gran batterista.
Me4rent: HC melodico in ialiano. Non mi sono piaciuti.
All American Rejects: secondo me molto molto buoni. Difficile portare quella musica su un palco del genere, ma loro sono riusciti a farlo con personalità e mi sono piaciuti molto.
Funeral for a Friend: acustica pessima. Delusione soprattutto da quel punto di vista. Resta la consolazione che a sentir loro torneranno presto per una data vera e propria e li valutarli sarà più facile. Nota di demerito alla bellissima maglietta solo in taglia girl.
Toy Dolls: si bruciano tutto con l’intro “The Final Countdown” degli Europe suonata col kazoo. Un picco di stile così alto non poteva essere replicato durante il loro set e quindi passano via anonimi e stucchevoli.
Me First and the Gimme Gimmes: enormi. La dimostrazione lampante che la musica può essere puro e semplice divertimento. Molto fanno un Fat Mike ancora sobrio, un Joey Cape ispirato e soprattutto un Jackson che si presenta nonostante la miriade di impegni che ha coi Foo Fighters, con la voglia di divertirsi e divertire. Veramente fantastici.
My Chemical Romance: lui è un animale da palco, lo si capisce subito, ma anche i suoi soci sono veramente in gamba. Gran bella prova a mio avviso.
Millencolin: volumi altissimi e scaletta pessima. Una delusione soprattutto dopo l’ottimo live di Aprile.
Nofx: seppur idoli indiscussi, seppur sempre geniali in tutto offrono una prova discutibile. A tre ore dal suo arrivo, Fat Mike è ormai scoppiato e non si regge più in piedi. La scaletta non c’è, i ragazzi improvvisano cercando di seguire le intenzioni del loro vocalist in uno stato assolutamente pietoso. Il risultato è che suonano poco, troppo poco.
Darkest Hour: Anche loro veramente egregi. Tengono il palco in maniera sopraffina e suonano egregiamente. Direi uno dei migliori gruppi visti nell’arco dei due giorni.
Ska-P: da uccidere. Loro ed i loro fan. La speranza è che si siano sciolti sul serio. Personalmente li ritengo l’emblema del problema più grosso della sinistra italiana.

Tirando due somme è stato un festival buonissimo cui sono lieto di aver preso parte.

manq

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Close