Menu

QUANDO L’AMORE BRUCIA L’ANIMA


Scheda


Titolo originale: Walk the line
Nazione: U.S.A.
Anno: 2005
Genere: Drammatico
Durata: 136′
Regia: James Mangold
Cast: Joaquin Phoenix, Reese Witherspoon
Produzione: James Keach, Cathy Konrad
Distribuzione: 20th Century Fox
Data di uscita: 16 Febbraio 2006 (cinema

Ascesa, caduta e risurrezione di Johnny Cash: dalla dolorosa infanzia al successo, ai guai con la droga, fino al coronamento della sua storia d’amore con la cantante June Carter.

Benche’ quello del biopic sia un genere molto in voga negli ultimi anni, i film appartenenti a questo filone risultano piuttosto piatti, senza guizzi creativi, limitandosi a seguire pedissequamente le vicende del protagonista. Il lavoro di Mangold invece riesce a distinguersi, raccontando solo una parte della vita del famoso cantante, gli iniziali quindici anni di carriera, con una breve escursione nell’infanzia di Cash segnata dalla morte dell’amato fratello maggiore e dalla disistima del padre che non esita a dire che gli e’ morto il figlio sbagliato.
Si narra del il primo matrimonio con Viv, donna totalmente disinteressata alla carriera artistica del marito che dopo un fulmineo esordio e’ protagonista della primissima stagione del rock’n’roll, andando in tournée’ con star del calibro di Elvis Presley e Jerry Lee Lewis. Questa e’ sicuramente la parte piu’ interessante della pellicola, che avrebbe meritato un maggior approfondimento rispetto al cote’ romantico della bella storia d’amore con June Carter perche’ ci mostra la nascita del mito del rock con i prodromi della ribellione giovanile, le ragazzine in delirio disposte a tutto pur di passare una notte con i loro idoli, i tour massacranti per sopravvivere ai quali e’ giocoforza ricorrere all’uso della droga.
Anche Cash finisce nel tunnel della droga, rischiando di mandare in pezzi una magnifica carriera: si riprendera’ grazie all’amore per la cantante June Carter, che pur restandogli sempre vicina nei momenti piu’ difficili, accettera’ di sposarlo solo quando Johnny “righera’ di nuovo dritto”, dando vita a uno dei sodalizi piu’ longevi della storia della musica, il cui esordio e’ segnato dal celebre album del 1968 Live in Folsom, registrato nell’omonima prigione americana, che segna la resurrezione di Cash e la fine del film.
Se la pellicola non spicca per l’originalita’ della regia, a folgorare e’ la bravura di Joaquin Phoenix che ha compiuto una perfetta opera di immedesimazione con il personaggio da interpretare, non solo nella mimica (il cantante era famoso per imbracciare la chitarra come un fucile) ma anche nel duro lavoro sulla voce per renderla il piu’ possibile somigliante a quella di Cash: e’ l’attore stesso infatti, a cantare personalmente le molte canzoni del film, ed e’ notevole anche l’intesita’ con cui rende la passione di Johnny per June, non staccando praticamente mai lo sguardo da lei; la buona prova di Reese Witherspoon (anche lei interprete di tutte le canzoni) aiuta a rendere la perfetta alchimia della coppia sul palco.
Il film e’ stato premiato con tre Golden Globe: miglior film, miglior attore protagonista e migliore attrice protagonista; un ottimo biglietto da visita per l’imminente notte degli Oscar.

avag

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni Cinematografiche

Close