Menu

Recensioni

Robert Pollard – From A Compound A Eye

-

Ascolta

Acquista

Tracklist


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Dopo un attivita’ ventennale ed una quindicina fra CDS ed EPS, Robert Pollard ha sciolto definitivamente i GUIDED BY VOICES. Sicuramente una brutta notizia considerando lo spessore dde GBV, una vera e propria istituzione dell’indie rock anni 90 e un punto di riferimento x tutto il movimento underground americano e non. Fortunatamente l’ex leader Robert Pollard e’ uno che scrive canzoni x lavoro, x hobby e x passatempo e quindi l’assenza dei GBV, sara’ senz’altro mitigata dall’attivita’ di quest’ultimo gia’ comprendente di alcuni titoli. Un attivita’ parallela, ma inevitabilmente passata in secondo piano rispetto a quella dei GBV, tocchera’ quindi a ‘FROM A COMPOUND EYE’ stabilire l’entita’ di questo passaggio.
Un cd di 70 e passa minuti, strutturato in 4 sides come nei vecchi doppi
vinili di qualche tempo fa. Considerato l’amore per le rock bands storiche e per ‘THE LAMB LIES DOWN ON BROADWAY’ storico doppio vinile dei GENESIS era GABRIEL, ‘FROM A COMPOUND EYE’ potrebbe rivelarsi come un vero e proprio spartiacque per Robert Pollard.
Dopo averlo ascoltato attentamente, soltanto in un paio di
brani, ‘Conquerer of the moon’ e ‘The numbered head’, il suono vira verso una personale visione di prog-rock, il resto non si allontana dal suono che ha reso grandi i GBV. Un insieme di brani, una visione globale del pop-rock odierno con un occhio sempre puntato al caro vecchio indie-sound dei primi anni 90. I fans sono avvisati, qui si va sul sicuro, restano da sceglierie i brani che finiranno nella nostra personalissima top ten. Si parte con ‘Gold’ un pop agrodolce con una melodia appena accennata, si continua con la sbarazzina ‘Dancing girls and dancing men’ e c’e’ la ballata alla REM come ‘U.s mustard company’. Energia pura con ‘I’m a
widow’
, ‘Kick me and cancel’ e ‘Blessed in a open hand’ e le chitarre distorte che piegano la melodia in ’50 year old baby’ e in ‘I surround you baby’. La mia preferita e’ ‘Love is stronger than whitchcraft’, una melodia tesa e sofferta che entra in testa e non esce piu’.
Un lavoro ineccepibile che conferma la bravura e l’onesta di questo rocker che non scende a compromessi, ma la sensazione e’ che se volesse potrebbe fare un cd pieno di hit single e volare al primo posto nelle charts, e noi ne saremmo contenti. Ma per il doppio vinile storico forse non ci siamo.

Tracklist
1) Gold
2) Field jacket blues
3) Dancing girls and dancing men
4) Flowering orphan
5) The right thing
6) U.s. mustard company
7) The numbered head
8) I’m a widow
9) Fresh threats, salad shooters
10) Kick me and cancel
11) Other dogs remain
12) Kensington cradle
13) Love is stronger than witchcraft
14) Hammer in your eyes
15) 50 year old baby
16) I surround you naked
17) Cock of the rainbow
18) Conquerer of the moon
19) Blessed in a open head
20) A boy in motion
21) Denied
22) Light show
23) I’m astrong lio
24) Payment for the babies
25) Kingdom without
26) recovering

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni