Menu

Recensioni

Stereolab – Fab Four Suture

-

Ascolta

Acquista

Tracklist


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Gli Stereolab sono tornati dopo “Margerine eclipse” del 2004 con un nuovo lavoro sulla lunga distanza anche se questo “Fab four suture” non è esattamente il loro nuovo disco ma la raccolta degli ultimi 7” e delle canzoni che la band ha messo a disposizione in download dal suo sito durante l'ultimo anno.
Sostanzialmente lo stile della band non si sposta di una virgola dai territori finora esplorati e ripropone quello che potremmo chiamare “il marchio di fabbrica” della premiata società Gane-Sadier, quell’insieme il più delle volte magico di kraut rock, influenze sixties, echi di lounge e un ombra di dance che li ha resi unici nel panorama pop degli ultimi 15 anni, nonché fonte di ispirazione per moltissime band odierne.
Le canzoni di “Fab four suture” hanno bisogno di ripetuti ascolti per mostrare tutte le loro sfumature, alcuni di questi brani infatti crescono piano piano come ad esempio: “Vodiak” con il suo beat frammentato che ci riporta a dischi di almeno 10 anni fa (Emperor tomato ketchup dice niente?) o “Get a shot of the refrigerator” basato su un beat dai toni che cambiano di continuo come se la base musica fosse stata registrata su una musicassetta dal nastro deteriorato (vi è mai successo? un incubo da maniaci del mangianastri!!!) interessanti anche “excursions into oh-a-oh” che sembra la sigla di un qualche serial poliziesco anni 60-70 con quel basso vibrante e caldo e “I was a sunny rainphase” con i suoi suoni spaziali e il suo beat reiterativo che sfocia in un pattern stile brasialiano in cui ogni singolo suoni di synth trova il suo posto nella complessa struttura musicale.
Un disco che forse non allargherà i confini sonori ed espressivi della band ma che a 15 anni dal debutto ufficiale e dopo una marea di uscite discografiche può tranquillizzare i tanti fans che temevano uno scioglimento dopo la dipartita di Mary hansen e rappresenta secondo me un segno rassicurante sul futuro del gruppo che spero ci accompagnerà ancora per molti anni.

Tracklist
1- Kyberneticka babicka pt. 1
2- Interlock
3- Eye of the volcano
4- Plastic mile
5- Get a shot of the refrigerator
6- Visionary road maps
7- Vodiak
8- Whisper pitch
9- Excursions into “oh-a-oh”
10- I was a sunny rainphase
11- Widow weirdo
12- Kyberneticka babicka pt. 2

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni