Menu

Recensioni

Built to spill – You In Reverse

-

Ascolta

Acquista

Tracklist


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Era rimasta una briciola di speranza in fondo al cuore dei fans dei Built to spill, ancora una piccola eco che diceva di tenere duro, nonostante quel “Ancient melodies of the future” che li mostrava un po’affaticati e tutti questi anni fermi li ad aspettare un segnale di vita dal pianeta della band.
Finalmente i Built to spill sono tornati, con le loro melodie e quella voce inconfondibile a raccontare storie che sanno di quotidianità, che odorano di piccole vite che si assomigliano e di normalità, la sacrosanta normalità signori, qualcosa con cui bisogna fare i conti prima o poi.
Questo nuovo “You in reverse” si muove su quei binari sonori che chi conosce la band da qualche anno conosce ormai a menadito, cioè brani maledettamente orecchiabili composti però da melodie mai scontate, che rendono ogni canzone della band riconoscibile tra mille altre, grazie ad una capacità di modellare le canzoni in modo semplice ma del tutto personale.
Rispetto a “Ancient melodies of the future” i Built to spill compiono un buon passo avanti o se preferite indietro, ritrovando infatti la vena compositiva ispirata dei vecchi lavori e proponendo alcuni brani davvero fenomenali come: “Goin’ against your mind” che è forse il loro migliore brano d’apertura di sempre con il suo crescere e il suo lasciarsi andare che lungo 9 minuti illustra molti degli aspetti del suono “Built to spill”, “Wherever you go” (figlia della magnifica “You were right”), “Conventional wisdom” travolgente ed irresistibile come ai vecchi tempi e “Mess with time” il brano più elettrico e diretto dell’intero lotto.
Con questo album la scrittura di Doug Martsch ritorna alle vette del passato e ci restituisce una band (mai abbastanza elogiata) in gran forma.
Chissà se dopo il ritorno dei Dinosaur jr qualche tempo fa (grande ritorno direi!!) i vecchi membri dei Pavement non stiano confabulando qualcosa….

TRACKLIST
1- Goin’ against your mind
2- Traces
3- Liar
4- Saturday
5- Wherever you go
6- Conventional wisdom
7- Gone
8- Mess with time
9- Just a habit
10- The wait

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close