Menu

Recensioni

Casa Del Vento – Il Grande Niente

-

Ascolta

Acquista

Tracklist


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Un disco al margine tra folk e rock, in cui il primo brano, che dà il titolo all’album, ha una contaminazione rap per quanto riguarda la parte vocale. Gli argomenti sono quelli cari alla sinistra che suona e che ascolta musica portando vanti i propri ideali.
La prima traccia, appunto “Il Grande Niente”, è un brano dedicato alla vacuità dei media televisivi rei di anestetizzare le coscienze, così che le guerre e le violenze reali sembrano immagini che non suscitano più empatia.
“Un Giorno”, secondo titolo dell’album, è una ballata dolcissima in cui gli archi e la chitarra acustica aumentano ancora di più il calore emotivo del testo.
Sono molti gli ospiti della Casa Del Vento per questa uscita discografica ed il primo è Erriquez, cantante della Banda Bardò, che interpreta al fianco di Luca Lanzi la canzone “La Meglio Gioventù”. Il quarto brano, Ala Sinistra, è una chiara metafora di chi crede ancora nella sinistra e non si fa sedurre dalle sirene del lusso; il testo ispirato a Cristiano Lucarelli, “voce diversa nel mondo dei lustrini del mondo miliardario del calcio”, è sorretto da una ritmica veloce che fa muovere i piedi per forza.
Il Fiore Del Male è una lettera in memoria di Pier Paolo Pasolini, in cui la voce di Ginevra Di Marco (in passato nei C.S.I e nei P.G.R.) aggiunge struggente intensità al testo già pregno di sentimento.
Ruvida di rock e morbida nelle melodie irish folk, “Per Le Strade” vede un altro ospite, che è forse più un caro amico per la Casa Del Vento, Cisco (ex voce dei Modena City Ramblers).
“Finché Il Vento” è una ballata piena di speranza per il futuro, in cui violino e pianoforte danno un’ariosità che fa immaginare d’essere stesi a guardare il cielo con un bel sorrido sul viso.
L’ottava traccia, “L’Illegale”, torna alle sonorità puramente rock. Testo dedicato agli ipocriti scandito in una sorta di rap e ripetendo ossessivamente “Illegale che fa bene, illegale che fa male”, vede anche una parte cantata in francese da Tall Abdoulaye.
“L’Ultimo Viaggio” crea quell’atmosfera balcanica cara anche a Capossela. Stavolta ad affiancare la voce di Luca c’è quella di Betty Vezzani (nuova voce con Dudu Morandi dei M.C.R.).
In “Sul Confine” la fratellanza con i Ramblers viene sancita definitivamente grazie all’intervento di Massimo Ice Ghiacci, Dudu Morandi e Cisco. Testo in cui si denuncia lo stato dei profughi che arrivano in Italia sperando di migliorare la propria condizione (“Sul confine tra speranza e la mia fine…”).
L’Amore Infinito è semplicemente una tenerissima canzone d’amore dedicata a una giovane vita spezzata. “Piovono Pietre”, scritta per chi occupa le fabbriche esigendo semplicemente il proprio posto di lavoro, è un pezzo diretto in cui la voce e la ritmica sono in evidenza, mentre il resto degli strumenti ricamano l’arrangiamento.
Il penultimo pezzo, “Sempre In Movimento”, è un pezzo ska che fa pensare alla festa, ma che mantiene un filo di malinconia nella voce.
La chiusura dell’album è “Alla Fine Della Terra”, canzone delicata che ricorda l’atmosfera di In Un Giorno Di Pioggia (M.C.R.) in cui si parla di “un giorno così bello da potersi abbandonare”.
Una serie di canzoni dense di significato e dal suono caldo, di certo consigliabili a chi ama i Ramblers o la Banda Bardò, in cui le contaminazioni sono compenetrazioni e parallelismi con gli amici che popolano lo studio di registrazione al fianco della Casa Del Vento.

Tracklist
– IL GRANDE NIENTE
– UN GIORNO
– LA MEGLIO GIOVENTU'
– ALA SINISTRA
– IL FIORE DEL MALE
– PER LE STRADE
– FINCHE' IL VENTO
– ILLEGALE
– L'ULTIMO VIAGGIO
– SUL CONFINE
– L'AMORE INFINITO
– PIOVONO PIETRE
– SEMPRE IN MOVIMENTO
– ALLA FINE DELLA TERRA

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close