Menu

MACACO – Firenze, 11/11/06

Come sentirsi per una sera in Spagna….ma a Firenze? Al concerto dei Macaco!

di Daniela Dello Russo

Se ci vai, poi, con dieci spagnoli è tutto un programma. Divertimento a livello costante prima, durante e dopo il concerto.
Per chi non lo sapesse, i Macaco sono, ormai da anni, un gruppo affermato a livello internazionale. Simbolo di una “mediterraneità” molto articolata che va oltre i confini della Spagna e dell’Europa, i Nostri abbracciano e propongono realtà culturali e musicali tra le più varie e internazionali. A testimonianza dell’eterogeneità del linguaggio musicale parlato dai Macaco, sul palco si sono amalgamate e poi riversate su di un pubblico famelico tutte le diversità linguistiche e le varietà di suoni e generi che caratterizzano lo stile dei nostri ispanici performers.
Con quattro album prodotti (l’ultimo è “Ingravitto”), si riconfermano la più grande banda di affiatatissimi pazzoidi, allegri musicanti affezionati all’Italia e a Firenze (hanno collaborato con Roy Paci in Grande la Media Noche e nell’ultimo album di Caparezza in Las luces de la ciudad).
Non conoscendo lo spagnolo è stato un po’ difficile comprendere i testi delle canzoni… ma grazie alle traduzioni simultanee di qualche paziente amico spagnolo, i video proiettati, la mimica espressa assieme alla loro gestualità, e tutte quelle movenze cinestetiche così simili alle nostre ho potuto comprendere molto più di quanto immaginassi.
L’interazione tra musica e video ha amplificato l’effetto scenografico dello spettacolo rendendolo ricco di significati anche per via del susseguirsi di stupende immagini che spesso mi rapivano e mi facevano distogliere lo sguardo dal palco.
Ritmo, ritmo e ancora ritmo: una miscela di suoni iberici fusi a percussioni afro, ad interessanti passaggi drum’n bass acustici , “scratch”, con tanto di freestyle hip hop e ancora rumba e ska…
Insomma, un concertino che sembrava più una festa tra amici, fatta di divertimento, simpatia e coinvolgimento del pubblico (in maggioranza spagnolo!) che non si è fermato un attimo!
Ascoltare per credere!
Daniela Dello Russo

www.macaco.to

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Close