Menu

Recensioni

Veronica Marchi – L’acqua del mare non si può bere

-

Ascolta

Acquista

Tracklist


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Venus – 2008

Pop

A tre anni di distanza da quell’omonimo decantato debutto discografico, ecco tornare puntuale Veronica Marchi. Prodotto da Luigi Pecere per La Matricula e distribuito dalla Venus, L’acqua del mare non si può bere è marchiato da uno stile compositivo non troppo complesso, ma non banale. Il tutto è un ricamo di chitarre acustiche arpeggiate in apertura in Fiore di neve, graffiate in Normale e spinte al quasi-rock di Splendida coerenza. Saldi di Primavera è uno degli episodi più riusciti:l’atmosfera qui è marcatamente e più vibratamente elettrica ed ottima è la ripresa di batteria nel finale incorniciata dai lamenti vocali della cantante.

Le ottime Dillo Piano e Tu non sei, anche grazie al timbro, trasportano verso la migliore Paola Turci; lo sfondo acustico di Piccolo Dialogo, dal canto suo, è classico cantaurato femminile di derivazione Donà.

Tu non sei è di nuovo un crescendo condito da violini e la finale Ancora Cinque Minuti è graziosa e colorita.

La Marchi è maturata, più di quanto ci si potrebbe aspettare da un’artista della sua età; la densa attività live ha fatto il resto, ne ha reso una cantante vera e non di plastica costruita in un reality-tv. Anche se L’acqua del mare non si può bere non esplode in nessun episodio, il talento della cantante è palese.

Aspettiamo il prossimo lavoro per la definitiva consacrazione.

TRACKLIST

1.Fiore di neve
2.Splendida coerenza
3.Silenzi
4.Normale
5.Un giorno senza te
6.Saldi di primavera
7. Resisti
8. Dillo piano
9.Il re del mondo
10.Stellanova
11.Tu non sei
12.Piccolo dialogo
13.Ancora cinque minuti

TASTE: Dillo piano

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close