Menu

Martedì 22 luglio a Bologna l’unica data italiana dei METALLICA

Senza dubbio uno degli avvenimenti più attesi

della calda estate rock italiana.

METALLICA

saranno a Bologna

per quella che sarà la loro unica data italiana del 2008.

METALLICA

+ Down

+ The Sword

22 luglio

Bologna, Arena Parco Nord

Inizio concerti: ore 18.00

Apertura cancelli: ore 16.00

Prezzo del biglietto: euro 55 + d.p.

Per ulteriori informazioni;

Live

055.5520575
www.liveinitaly.com

www.myspace.com/liveinitaly

Metallica sono attualmente in studio per dare gli ultimi ritocchi al nuovo potentissimo album prodotto dal genio Rick Rubin e che vedrà la luce nei prossimi mesi (la data di uscita è ancora top-secret), ma la band californiana ha già confermato una serie di show in Europa.

L’unica data italiana del 2008 dei METALLICA si terrà il 22 Luglio all’Arena Parco Nord di Bologna.

Oltre a METALLICA si esibiranno altri i Down di Phil Anselmo (l’ ex voce degli indimenticati Pantera) e i The Sword. La produzione si annuncia mastodontica, con un palco addirittura più gigantesco di quello dello show di Padova del 2004.

Metallica

I Metallica nascono nel 1982 dall’iniziativa di Lars Ulrich, che insieme a James Hetfield inizia a mettere insieme il gruppo. Dopo qualche cambio di formazione, che porta a far parte della band per un breve periodo anche il futuro Megadeth Dave Mustaine, la formazione si stabilizza con Kirk Hammett alla chitarra e Cliff Burton al basso. Dopo un primo album molto acerbo, ma pieno di energia e con un’attitudine unica, i quattro pubblicano ‘Ride The Lighning’ e ‘Master Of Puppets’ due album che sono capisaldi del thrash e del metal in generale, riuscendo a coniugare l’aggressività e la velocità del thrash con dei brani melodici e di grandissima efficacia. Nonostante lascino ancora parecchio a desiderare dal vivo ampliano notevolmente il loro pubblico, anche grazie ad una attitudine senza compromessi che li porta a rifiutare di realizzare video e ad opporsi ai tradizionali circuiti promozionali. Nel 1986 muore in un incidente stradale con il tour bus Cliff Burton, personaggio atipico e molto influente all’interno del gruppo, che viene sostituito da Jason Newsted.
Due anni dopo viene pubblicato ‘…And Justice For All’, primo successo commerciale della band, che vede unire canzoni più ambiziose e complesse a testi finalmente maturi, e ad un’ottima produzione. Vengono inoltre mossi i primi passi verso il music business, con la realizzazione del primo video per ‘One’. Ma il vero successo planetario arriva nel 1991 con ‘Metallica’. Canzoni più brevi e melodiche, produzione all’avanguardia e un generale ammorbidimento del suono portano i quattro in vetta alle classifiche di mezzo mondo, superando i 10 milioni di copie vendute. L’assimilazione nel circuito musicale è ormai completata, con realizzazione di video a ripetizione e promozione a tappeto.Musicisti ormai affermati e senza nulla da dimostrare lasciano sfogo al loro dinamismo e registrano nel 2003 ‘St.Anger’, un disco ancora una volta spiazzante per molti, con brani lunghi, semplici e aggressivi, e una produzione estremamente grezza. Durante le registrazioni reclutano anche il nuovo bassista, l’ex Suicidal Tendencies Robert Trujillo, con cui intraprendere un nuovo tour mondiale.

Il documentario video Some Kind of Monster (2004), illustra le fasi della produzione dell’album, ed offre una visione da vicino del gruppo di Los Angeles. In esso, Jason Newsted in persona ha dichiarato di non voler entrare – proprio in virtù del suo abbandono – nei problemi interni al gruppo, già incombenti dai tempi di …And Justice For All (1988).Il 16 febbraio 2006 i quattro hanno annunciato, sul loro sito ufficiale, di aver terminato il lavoro con Bob Rock. Attualmente collaborano con Rick Rubin (in studio anche con i Red Hot Chili Peppers, gli Slayer, i Beastie Boys, i System Of A Down, i Run DMC e Johnny Cash).
Il 17 giugno 2006 si sono esibiti all’Heineken Jammin Festival (Imola)in una performance infinita. Ricorreva il ventennale di Master Of Puppets e la band ha deciso di suonarlo per intero (compresa Orion!!! mai suonata live per intero!!!). Anche in quell occasione proposero la loro “New Song”.
Nell’agosto dello stesso anno hanno sostenuto il tour Summer Sonic in Giappone, insieme ai Linkin Park, durante il quale hanno presentato la loro “New Song #2”.
In deroga alle notizie che davano l’uscita del nuovo album per il mese di aprile del 2008 Lars Ullrich ha comunicato che l’uscita avverrà presumibilmente nel settembre del sopracitato anno.

Down

I Down sono un gruppo sludge metal originario di New Orleans. La band è nata nel 1991 e comprendeva 5 ragazzi che suonavano già in altri gruppi, più o meno famosi: Phil Anselmo (voce, Pantera, Superjoint Ritual), Pepper Keenan (chitarra, Corrosion of Conformity), Kirk Windstein (chitarra, Crowbar), Todd Strange (basso, Crowbar) e Jimmy Bower (batteria, Crowbar e chitarra, Superjoint Ritual e Eyehategod)]. I cinque avevano in comune l’amore per i Black Sabbath, per il doom metal e per la loro città, New Orleans. I Down arrivarono in per la prima volta in Italia nel 2006 quando nei mesi di maggio e giugno organizzarono un tour in Europa, che toccò anche Germania, Inghilterra, Irlanda, Francia, la Scandinavia . Una volta tornati in patria, i Down cominciarono a lavorare alla stesura del nuovo album. Nei primi mesi del 2007 parteciparono come supporto al tour canadese degli Heaven & Hell;. Il 25 settembre del 2007 è uscito il terzo lavoro della band statunitense, dal titolo “Down III: Over the Under”.

The Sword

Vengono da Austin (Texas) e con un nome così non potevano che suonare metal. Il loro è uno stile che affonda le radici agli albori del genere, si scorgono infatti elementi alla Judas Priest ma anche ai Black Sabbath come testimonia “How heavy this axe”. La passione per Tolkien è nota quando si parla dei The Sword e il loro stile forse non particolarmente originale acquista valore se valutato in chiave revival dell’old Ozzy Osbourne style. Batteria in primo piano, voce in sordina e filtrata e roboanti riff di chitarra catapultano l’ascoltatore all’inizio degli anni 70. Quest’anno è uscito “Gods of the earh” il loro secondo album. Austin è sempre stata una vera fucina musicale e di band di ogni genere.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Close