Menu

Recensioni

Tom Morello: The Nightwatchman – Fabled city

2008 - Sony Bmg
rock/folk

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.The fabled city
2.Whatever it takes
3.The king of hell
4.Night falls
5.The lights are on in spidertown
6.Midnight in the city of destruction
7.Saint Isabelle
8.Lazarus on down (ft. Serj Tankian)
9.Gone like rain
10.The iron wheel (ft. Shooter Jennings)
11.Rise to power

Web

Sito Ufficiale
Facebook

One man revolution era un ottimo esordio per lui che più distante dal folk non poteva essere, visti i trascorsi in una delle band più pesanti e veloci dell’ultimo decennio. The fabled city ripresenta lo stesso chitarrista dai mille effetti lanciato in un progetto che di tanto in tanto non sembra neanche il suo. MorelloThe Nightwatchman, come preferisce essere chiamato in queste occasioni, è uno che riesce quasi a far parlare la sua chitarra elettrica. Indimenticabili sono le scene che lo vedono estrarre il jack dalla sua chitarra per violentarne le corde in Testify, dei suoi RATM. Morello, come ogni chitarrista che si possa chiamare tale è anche un gran bel manico con l’acustica. Tutto ciò è messo ben in mostra appunto nell’esordio del nostro Nightwatchman e forse l’unica cosa che si può rimproverare a questo secondo album è la riproposizione di un repertorio folk in chiave un po’ “annoiata”. Quello che ne viene fuori è un frontale tra un Johnny Cash stanco di fare country e un Nick Cave che canta piano piano per non svegliare i bimbi che dormono. Album intimista?? Si…con le dovute eccezioni. Sembra che Tom abbia voluto mettere il fuoco del suo carattere rivoluzionario sul fondo di un pozzo profondissimo e abbia deciso di farsi sentire da la giù. Non si tratta della sconfitta di un piantagrane, forse è solo quel momento che capita a tutti, quel periodo che ci fa scegliere un basso profilo per potersi poi tirare su più forti di prima. The fabled city non è il crepuscolo, ma un lungo giorno nordico, nel quale la luce del sole non scalda ma non lascia neanche spazio al buio che nasconde i contorni. Su questo disco ci sono anche nomi di una certa levatura, come Serj TankianShooter Jennings. Ci sono capitoli interessanti e dolci passaggi soffocati che danno spolvero al tono della sua voce. Ci sono gli stessi elementi che hanno fatto di One man revolution un buon album, ma niente di più. La title track The fabled city merita una pacca, di soddisfazione, sulla spalla, così come la meritano Lazarus on down emidnight in the city of destruction. Coloro che vivono una vita tranquilla e non sentono il bisogno dei pruriti di troppe emozioni quotidiane sono il giusto target per questo prodotto…a volte il silenzio è bellissimo, ma altre volte anche un rumore sommesso e lontano può farci sembrare un minuto di vita un sogno eterno. Particolare.

Taste: The fabled city, Lazarus on down, Midnight in the city of destruction.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close