Menu

Recensioni

The Savalas – Plastic Pills For Happy Passengers

2008 - Above Ground Records/Altipiani Records
rock/indie/alternative

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Perfect smile
2 It's magic
3. No way out
4. Surrounding you
5. She was
6. This is forever
7. Invisibili

Web

Sito Ufficiale
Facebook

I The Savalas propongono decisamente un “Bel Rock”, costruito in maniera semplice e diretta. Alternano pezzi molto orecchiabili quanto trascinanti come Perfect Smile a ballate intense con cambi di ritmo e sonorità come Surrounding You.  Rock in bilico tra pop e metal in She Was senza tuttavia tralasciare lo stile più melodioso che li contraddistingue. Sottovoce in alcuni tratti per poi esplodere in un tripudio di chitarre distorte This is forever. Ma una citazione particolare è per It’s Magic che con la sua eleganza e sussurrata musica si pone come ballata rock degna della miglior tradizione rock sia da influssi americani, sia inglesi. L’inserimento di suoni elettronici uniti alle sonorità strumentali più pure accendono il risultato che questo gruppo ha fin’ora raggiunto. Registrazione di ottima qualità, molto curata. Ci sono certamente ancora margini di miglioramento che potrebbero portare questa band a un livello ancora superiore. L’unico pezzo in italiano di questo disco è Invisibile che possiede un testo ermetico, ma che ben si sposa con il sound dei The Savalas. In conclusione ci sono certamente moltissime note positive che rendono gradevolissimo l’ascolto del cd “Plastics Pill For Happy Passengers” in tutti i suoi aspetti e che mostrano in pieno le potenzialità dei musicisti e della voce di questo gruppo. Nota a margine leggermente negativa è da farsi per la custodia del cd che, seppur risulta stravagante e tecnologica, pecca in presenza di informazioni. E’ difatti assente la tracklist e il sistema di espulsione del disco dalla custodia potrebbe rovinare il cd con il tempo. Ma questa è solo una piccola constatazione a margine della qualità indiscussa del disco che i The Savalas presentano.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close