Menu

Recensioni

Moltheni – I Segreti Del Corallo

2008 - La Tempesta
pop/rock/folk

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Vita Rubina
2. Gli Anni Del Malto
3. Che il Mare Possa Riunire Ciò Che il Destino ha Diviso
4. L'amore acquatico
5. In Porpora
6. Oh, Morte
7. Corallo
8. Ragazzo Solo, Ragazza Sola
9. Verano
10. L'Attimo Celeste (Prima Dell'Apocalisse)
11. Suprema

Web

Sito Ufficiale
Facebook

“I Segreti del Corallo” è il naturale proseguimento dell’iperbole artistica di Moltheni, che da un po’ di tempo (per la precisione dalla realizzazione di “Splendore Terrore” in poi) sta attraversando un gratificante periodo intimista.

Ancora una volta ci troviamo di fronte ad un album costruito su canzoni vere, che riescono ad ammaliare grazie ai loro contenuti intrinseci, seguendo un approccio lineare che esalta la semplicità degli arrangiamenti e la genuinità emotiva delle liriche, evitando così un inutile ricorso ad  “effetti speciali” di vario tipo.

La formula è la stessa del precedente e fortunato “Toilette Memoria” e vede come al solito la collaborazione di Pietro Canali al piano e Giacomo Fiorenza alla produzione: squadra che vince non si cambia.

Sebbene i punti di contatto col precedente lavoro siano numerosi e a tratti evidenti, “I Segreti del Corallo” si rivela essere un lavoro ancora più raccolto ed intimo, in cui i pochi sprazzi elettrici vengono soffocati da numerose intuizioni folk-acustiche, tenute abilmente in piedi grazie ad arrangiamenti scarni, quasi minimali, su cui scorrono in libertà i soliti testi criptici ed ermetici, anche se in netta controtendenza rispetto al “calore emozionale” che si respira ascoltando l’album. Come al solito a dettar legge è la stupenda voce di Umberto Giardini, ricca di sfumature calde e sensuali che riescono ad evocare melodie ed emozioni quasi meglio di uno strumento musicale.

Alle atmosfere cupe e ossessive dell’iniziale “Vita Rubina” si contrappongono la solarità di “Gli Anni del Malto”, la limpida purezza di “Verano” e l’intenso crescendo di “L’Attimo Celeste (Prima Dell’Apocalisse)”, che a mio avviso rappresenta il picco massimo dell’intero album.

Destano invece perplessità le rivisitazioni di due canzoni già interpretate con grande stile da Umberto Giardini nei lavori precedenti: se per “Suprema” si può anche chiudere un occhio, poichè le canzoni meravigliose rimangono tali anche se viste con vesti diverse, il discorso è ben diverso per “In Porpora”, che qui viene inutilmente spogliata del suo valore puramente emozionale.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close