Menu

Recensioni

Le Luci Della Centrale Elettrica – Canzoni Da Spiaggia Deturpata

2008 - La Tempesta
indie/cantautoriale

Ascolta

Acquista

Tracklist

01. Lacrimogeni
02. Per combattere l'acne
03. Sere feriali
04. Stagnola
05. Piromani
06. La lotta armata al bar
07. La gigantesca scritta coop
08. Fare i camerieri
09. Produzioni seriali di cieli stellati
10. Nei garage a Milano Nord

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Il progetto Le luci della centrale elettrica, nella persona di Vasco Brondi, è ormai sulla bocca di tutti.

C’è chi dice che il giovane cantautore ferrarese sia buono a suonare solo due/tre accordi di chitarra, chi nota evidenti somiglianze con  Rino Gaetano, Giovanni Lindo Ferretti e addirittura Luca Carboni, chi lo accusa di cantare solamente il degrado, chi afferma con convinzione che il suo precedente demo era di gran lunga superiore al disco finito, chi si sente offeso dai suoi testi e chi invece lo ha già dipinto come il messia della nuova generazione.

Evidentemente “Canzoni da spiaggia deturpata” ha fatto centro, riuscendo a calamitarsi addosso in breve tempo le attenzioni di stampa specializzata, media, distribuzione e pubblico. Un immenso calderone di opinioni contrastanti che alla fine dei giochi convergono in un unico denominatore comune: Vasco Brondi e le sue luci della centrale elettrica non riescono proprio a lasciare indifferenti.

Sono ormai finiti i tempi della “Generazione X”: un giovane e ai più sconosciuto cantautore di Ferrara se n’è accorto prima degli altri ed ha cominciato a urlare con rabbia i depravanti contorni  di questa nuova “D-Generation” che l’ha silenziosamente soppiantata, a colpi di precarietà su tutto e visioni seriali di cieli stellati irraggiungibili.

Per far questo si è avvalso dell’esperta vena artistica “noise” dell’ex CSI Giorgio Canali alla produzione e di testi lucidi e visionari che non scendono mai a compromessi usando tinte forti, tossiche, con le quali ha dipinto dieci splendidi murales di vissuto quotidiano, ruvidi e tremendamente realistici, dove il significato della parola speranza si è sciolto chissà dove.

Il modo con cui Vasco Brondi osserva e descrive la realtà che lo circonda è qualcosa che fa drizzare in testa tutti i capelli ed allo stesso tempo rinfranca lo spirito: canzoni come “Per combattere l’acne”, “La lotta armata al bar” o ancora “La gigantesca scritta coop” sono veri e propri inni che catturano in pieno l’insoddisfazione, le ansie e l’esasperazione della generazione che verrà: dieci lettere di schiumante protesta da sigillare in busta chiusa e spedire rigorosamente a carico del destinatario, timbrate e siglate da milioni di noi.

Sono certo che qualcosa di questo disco rimarrà, e quando finalmente saranno finiti questi cazzo di anni zero, allora qualcuno, piuttosto che andare a sbirciare dentro a qualche polveroso libro di storia, ascolterà con stupore e commiserazione queste indispensabili “canzoni da spiaggia deturpata” .

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close