Menu

Recensioni

Gappa – Cervello In Fuga

2008 - Ermellino Records
folk/pop/acustico

Ascolta

Acquista

Tracklist

01. Dottò
02. Francesco non riesce a dormire
03. Comandante
04. Salsa e merende
05. Anita
06. La famiglia del rettore
07 Cervello in fuga
08. La gangbang
09. Il gioco del silenzio

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Ascoltando le canzoni di questa opera prima di Gaspare Palmieri, in arte Gappa, viene da chiedersi se per caso il giovane cantautore modenese avesse dei “conti in sospeso” con l’ambiente universitario, che tra l’altro egli ha anche frequentato con successo.

A parte gli scherzi, fa piacere notare la grande abilità comunicativa di Gappa, che attraverso le canzoni di “Cervello in fuga” riesce a creare il giusto contesto sonoro per dar luce ai suoi testi sarcastici e mai banali attraverso i quali affronta, seppur con generose manciate di ironia, tematiche per lo più serie e di scottante attualità.

Così, accanto ad episodi leggeri, come “Salsa e merende” o “La gangbang” , troviamo canzoni che non si limitano solo a mettere a nudo i vizi ed i malcostumi del Paese in cui viviamo (“Dottò”), ma ci invitano anche a riflettere (“Francesco non riesce a dormire”) e non hanno alcuna intenzione di chiudere dentro ad un cassetto tutti i sogni e le speranze riversate verso un futuro migliore (“Il gioco del silenzio”).

Con le residue energie Gappa concentra poi tutta la sua dissacrante “attenzione” sul mondo universitario, dipingendo con grande ironia un quadro a tinte fosche di ciò che avviene nelle “segrete stanze” di molti Atenei. Niente di cui stupirsi, in fondo si tratta di argomenti che un po’ tutti conoscono ma che, chissà per quale motivo, alla fine nessuno ha mai il coraggio di denunciare.

E allora un bravo di cuore va al nostro Gappa, che forse ha intuito quanto la musica possa essere capillare ed efficace come veicolo di comunicazione oltre che come semplice strumento di svago.

Sono convinto che questa sia la strada giusta da intraprendere: se è proprio vero che nel nostro Paese le “cose” sono fatte per non essere cambiate, l’ironia diventa allora la migliore chiave di lettura per descrivere l’allucinante spirale di degrado, morale e non solo, che ci sta lentamente soffocando tutti quanti.

Una “Magnifica” risata li seppellirà!

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close