Menu

Recensioni

Rosso Rubino – Tecniche Di Approccio

2008 - Altipiani Factory
jazz/pop/folk

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Ballade
2. Vecchio Missionario
3. Rosso Rubino
4. Domenica sera
5. Ultima notte
6. Atletico sposalizio
7. Lido paradiso
8. Gianni e Martina
9. Quarantena
10. Divieto per gli occhi verdi

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Il disco dei Rosso Rubino è semplicemente eccellente, ricco di poesia e immagini al gusto del buon vino. Venature jazz sapientemente incastrate in un meccanismo che fa del sapore la sua componente principale. Una musicalità dolce e straordinariamente coinvolgente e testi a sensazione sono componenti che fanno la differenza. Testo complesso e intimistico in Ballade, con un sound arricchito di strumenti a fiato, ironia dissacrante e una buona melodia in Vecchio missionario. E’ quasi un tanto il brivido musicale che si percepisce in Rosso Rubino, un vortice di emozioni e suoni colorati. Ancora un dolce jazz che si erge nell’ambiente suadente di Domenica sera. Ultima notte è un quadro di un sentimento tormentato e fragile ma che racchiude molti punti di vista, mentre si affonda in una poesia “del non amore” quando Atletico sposalizio rende un ballo l’amaro di un addio. Pare divertente Lido Paradiso, ma nasconde una profonda riflessione sullo stato delle cose e rende metafora un mare problematico. E’ un esempio di sarcasmo e genialità Gianni e Martina, forte e decisa come poche su una base jazz molto intensa. Un nostalgico abbandono in Quarantena, bella e profonda, quanto basta per spiegare un mondo ai più sconosciuto.
Il disco si conclude con una ballata ariosa, Divieto per gli occhi verdi, con tanto di presentazione del gruppo.

Un disco in bilico tra passione e intensità, tra sfumatura e pienezza, surreale a tratti e imponente in altri. Il tutto è un equilibrio stabile che rende “Tecniche di Approccio” indubbiamente un ottimo disco. Si potrebbero trovare venature legate al ramo cantautoriale che porta a Rino Gaetano, ma non sarebbe del tutto corretto, poichè questo disco racchiude un’innovazione che però resta legata ad una tradizione musicale di alto livello.
Da riascoltare certamente.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close