Menu

Recensioni

Emanuele Caldara – Vertigine

2008 - Self
rock/metal/progressive

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Vertigine
2.Run Away
3.Whispers
4.Crop Circles (Phase I)
5.Fall of Memory
6.Sussurri (Whispers Italian Version)

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Ho tra le mani “Vertigine”, il demo di Emanuele Caldara, seconda autoproduzione.
L’ho risentito parecchie volte, ho preso tempo.
Mi ha innervosita; ho anche detto al caporedattore Fabio Gallato che volevo stroncarlo.
Emanuele è originario di Maccagno, in provincia di Varese, che è terra prolifica di rock di qualità.
Ma il rock è solo il punto di partenza.La storia inizia con una chitarra classica, che si arricchisce di sonorità, quando sceglie di proseguire con una elettrica; e vede intrecciarsi nel tempo vari gruppi, dal Death Metal dei Gargoyles, alla coverband di Alta Tensione, e di altra Heavy Metal/Trash, i Blackened, di tribute ai Pearl Jam (6/2 Legs) e infine, di Alternative Rock, con gli Olophonic. Emanuele ha capacità compositiva e strumentale superiori alla media, ma in “Vertigine” è intrappolato in un prodotto self – made, che, per quanto registrato con tutti i crismi, risente di carenze strutturali incolmabili, prima fra tutte quella dell’utilizzo di drum programming: ritmica ipnotica e statica, che rischia di soffocare la vena intimista e i fraseggi virtuosi; penalizzante la presenza di chitarre distorte.L’apertura spetta a “Vertigine”, brano misurato e ben congegnato; seguono gli inutili “Run Away” e Davide Barbieri, che vi presta la voce: il contesto è pressochè ostile a un brano heavy. Niente a che vedere col resto del demo, che sperimenta, contamina, trova suggestioni sempre diverse: c’è Satriani, ci sono i Pink Floyd, suggestioni di classica, ci si spinge fino ai confini della new age. E non mi spiego perchè uno che suona così si ostini a voler cantare pop rock in “Whispers” e “Sussurri”.Cercate le sofisticate “Crop Circles” e “Fall of memories” su www.myspace.com/emanuelecaldara: capirete perchè posso dire a cuor leggero che in questo ragazzo c’è stoffa da vendere.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close