Menu

Recensioni

John Frusciante – Empyrean

2009 - Record Collection
Rock / Alternative Rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Before the beginning
2. Song to the siren
3. Unreachable
4. God
5. Dark/light
6. Heaven
7. Enough of me
8. Central
9. One more of me
10. After the ending

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Non si può certo dire che Frusciante abbia fatto tutto da solo in questo disco, dato che a reggergli il gioco ci sono Johnny Marr (ex Smiths) e il lodevole Flea, musicista, insieme a john, dei Red Hot Chili Peppers. L’eclettico chitarrista dei peperoncini rossi non è certo nuovo alle uscite da solista. Nel 2004 riuscì a tirare fuori dal cilindro ben 5 dischi da studio (uno con il progetto Ataxia), Senza colpo ferire, ignorando qualsiasi decente regola di mercato e fregandosene alla grande della critica musicale. Secondo la rivista musicale Rolling Stone, Frusciante è, in una ipotetica classifica dei migliori chitarristi del mondo, il 18°, e non serviva certo questo disco per capirlo, quello che combina su Californication, disco della sua personale rinascita professionale e consacrazione all’Olimpo del rock per i RHCP, basta e avanza per intuirlo. Questo disco è un passatempo per le sue dita e una boccata di ossigeno per i suoi fan. A parte l’inizio tedioso di Before the beginning, il disco propone dei pezzi interessanti e di grande ispirazione per chi ascolta, non ci sono note violente o troppo pesanti, a tratti sembra di ascoltare Phil Collins nei suoi primi lavori da solista. C’è una voglia di pacatezza e di soffice scivolare delle note che quasi sembra di stare ad assistere ad un qualche raduno yoga o new age abbarbicati nella più solitaria ed alta vetta del mondo. Frusciante ha voluto anche rendere omaggio ad un grande rimpianto della musica rock Jeff Buckley, eseguendo quasi con spirituale devozione Song to the siren, un momento quasi onirico e di profonda tensione che si guadagna applausi a scena aperta. Per il resto non c’è tanta carne al fuoco, ci sono buoni episodi, quali Unreachable (primo singolo estratto dall’album) e Central e qualche caduta nella noia ad esempio in Enough of me e Heaven, però cosa possiamo farci? L’ispirazione degli artisti dipende dai momenti, dalle sensazioni che si provano, e che inevitabilmente finiscono, tutte, nessuna esclusa, nei dischi da loro composti. Che sia, questa, la calma prima della tempesta?

Taste: Song to the siren, Unreachable, Central

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close