Menu

Recensioni

Diaframma – Difficile da trovare

2009 - Self Distribuzione
Rock / New Wave / Punk rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Intro
2.Mentre Sogna
3.La Figura
4.Dura Madre
5.Giovinezza
6.Il Sogno Di Te
7.La Bella e la Bestia
8.Io Sto Con Te (ma amo un'altra)
9.Mi Piace Perdere
10.Perché Piangi?
11.La Vita Grigia
12.Outro

Web

Sito Ufficiale
Facebook

L’ennesimo disco dei Diaframma esce nel 2009 ed è “difficile da trovare”, ma non da ascoltare. La band ormai propone prodotti piuttosto digeribili ma rimasti all’altezza, dopo tutti questi anni, anche delle prime perle come Siberia, sebbene il cambiamento di tendenza si sia reso evidente dopo gli anni ’90. Federico Fiumani è una specie di cantastorie arrapato che narra la pornografia a suo modo, diretto ma non sboccato. E dopo che tanti ci hanno provato senza riuscirci sappiamo benissimo che cantare di erotismo senza essere volgari è difficile.

Questo disco necessita un’analisi un po’ particolare e partirei dai testi. Come già citato la sensualità è un tema centrale. Fiumani ammette la ricerca del libido, canta di quando in metropolitana guarda le ragazze “per capire se hanno fatto l’amore”. Il tema centrale si è capito. Più poetico in “Mentre Sogna“, molto più sgraziato in “Dura Madre“, il suo è cantautorato schietto, che mira a colpire e a farsi sentire. Sembra quasi non interessi il risultato, ma solo che il messaggio sia arrivato. Nonostante questo l’album “Difficile da Trovare” è un ottimo disco.

La band fiorentina ha percorso tutte le sfumature del rock e del pop melodici nella sua carriera e con questo disco scorgiamo sia l’indole cantautorale già citata, che da una grande importanza alla voce di Federico, più che alla musica, ma anche le forti influenze pop e post-grunge che gli altri hanno già lasciato filtrare nei dischi che hanno preceduto questo lavoro. Gli strumenti però hanno la loro vendetta nei pezzi meno tradizionali, con ampie sezioni in cui è la chitarra a spadroneggiare lasciando per un attimo la voce a riposo. Non mancano comunque pezzi molto radio-friendly come “Coda di Paglia” anche se la melodia dei Diaframma non è quella di Ligabue o di Laura Pausini, ma è musica che penetra e che colpisce molto più a fondo. Unica critica che mi devo permettere di fare è forse la monotematicità delle canzoni, sia per i testi che per l’uso degli accordi, anche se questo non toglie smalto al lavoro che nel suo insieme è molto riuscito.

Questo disco meriterebbe di andare molto più a fondo guardando testo per testo, citando tutti i personaggi e le influenze, ma per riassumere le sensazioni che questo disco dall’ascolto si può solo ascoltarlo. Consigliato a tutti gli amanti dei Diaframma, soprattutto quelli più recenti, ma anche a chiunque abbia un minimo di cultura e di gusto per la cantautorale e il rock italiano da De André agli Afterhours. Una vera perla in questo 2009.

Voto: 8

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni