Menu

Recensioni

Max Petrolio – Discussioni in Farmacia con animali abili

2008 - Seahorse Recordings / Lunatik
Elettroacustica / Alternative

Ascolta

Acquista

Tracklist

01 Acqua Depurata
02 La Prima Volta
03 Nella Pancia
04 Lontre
05 Di Lusso
06 Concetto Urbano
07 7 Cm
08 Alla Luce del Giorno
09 Giuguare
10 Fatti
11 SuperElementi
12 Eppure Vivi

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Ci troviamo nell’underground più profondo applicato alla canzone d’autore italiana. La musica di Max Petrolio snobba pesantamente il mainstream dell’attuale panorama musicale del Belpaese.

Un intreccio musica-testi volutamente spigoloso, risultando comunque fruibile a i palati più aperti verso la sperimentazione. Lo pseudonimo del cantautore ci appare opportunamente simbolico, visto che si colloca…nel sottosuolo. Le melodie sono ondeggianti e morbide, ricordano certe tendenze compositive di Moltheni, di Carmen Consoli, Cristina Donà, mentre il cantato si avvicina molto vagamente al timbro di Marco Bellotti e per la proprietà transitiva a Ivan Graziani, tuttavia meno nasale o “di gola”.

La dolcezza della linea vocale contrasta con l’astrusità di trovate poetiche e i suoni graffianti degli arrangiamenti. Si avverte il gusto per l’allucinatorio senza sconfinare nel psichedelico. Sono queste le immagini suggerite dai testi. Il titolo del disco “Discussioni in farmacia con animali abili” è iconico e sottolinea questa tendenza bizarra verso l’alternativismo più genuino e sincero.

Non sempre le recensioni sono positive e lo accusano di “non farsi capire”, senza capire che non sempre esiste la voglia di farsi capire. Anzi, non per forza ci deve essere qualcosa da capire, ben venga quindi il dadaismo estremo legato alla sensazione più straripante.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni