Menu

Recensioni

Rancid – Let The Dominoes Fall

2009 - Hellcat
punk/rock/alternative

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. East Bay Night
2. This Place
3. "Up to No Good
4. Last One to Die
5. Disconnected
6. I Ain't Worried
7. Damnation
8. New Orleans
9. Civilian Ways
10. The Bravest Kids
11. Skull City
12. L.A. River
13. Lulu
14. Dominoes Fall
15. Liberty and Freedom
16. You Want It, You Got It
17. Locomotive
18. That's Just The Way It Is Now
19. The Highway

Web

Sito Ufficiale
Facebook

La storica punk band americana, torna a far parlare di se con l’ultimo album, “Let the Dominoes Fall”, pubblicato il 2 giugno del 2009.

Con l’arrivo del nuovo batterista Branden Steineckert, che sostituì il membro del nucleo originario Brett Reed, era inevitabile la prospettiva di produrre un successivo disco per mettersi in gioco in un genere ormai poco appagato dal mercato discografico: il punk rock.

La decisione di non modificare il proprio sound per conformarsi alle nuove tendenze è evidente, attraverso il consolidamento del legame con la vecchia tradizione punk d’ispirazione clashiana, che continua a essere suggerita.

Intro veloci, voci ripetute con poca trasparenza, i testi della vita da strada, esperienze vissute all’ombra dell’incomprensione, caratteristiche che si confrontano a una visione del suono più matura, che però rischia di presentare delle strutture armoniche troppo monotone e già ascoltate.

Quest’album purtroppo vive il confronto con il capolavoro Indestructible, ne riprende le melodie, e le modifica leggermente; spesso la sperimentazione verso suoni più caldi è insufficiente e poco gradevole, nel caso di: “Civilian wayls”, “L.A. River”, “The Hightway”.

A differenza brani come, “Up to not good”, e “Thats just the way it is now” grazie a dei sussulti filtrati dalle tonalità dub-reggae dei vecchi Clash, istaurano una sensazione più occidentale, d’impronta americana.

Le tracce d’ispirazione punk, invece stentano a imporsi all’orecchio dell’ascoltatore, uniche eccezioni: “Skull city”, con un eloquente e segmentato chorus, e “You want uou got it” nel quale si perde l’essenza isterica e contestatrice del ben conosciuto”Out of Control”, per sviluppare una resa più morbida.

“Let the Dominoes Fall”, evidenzia l’intento della memorabile band che vuole a tutti i costi sopravvivere dal tempo divoratore, ma si presenta come un’opera priva di entusiasmo, di carica, di adrenalina, vittima del proprio passato non riesce a raggiungere un traguardo soddisfacente.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close