Menu

VINICIO CAPOSSELA ospite d’onore per la chiusura dell’ARIANO FOLKFESTIVAL 2009

vinicio_capossela01Uno spettacolo unico e irripetibile chiude la XIV Edizione dell’Ariano Folkfestival 2009. Ci sarà un’Italia che ha fatto dell’impegno civile e della musica una dimensione vitale. Uomini come Enzo Del Re e Vinicio Capossela ci rendono con grazia ed energia la loro musica, perchè il festival di Ariano vuol essere anche questo, armonia e vitalità. Il Sud anarchico che si racconta con la canzone di lavoro e lotta, Enzo Del Re è poco convenzionale al punto da non utilizzare strumenti musicali tradizionali, ma percussioni costruite con materiali di recupero. Originario di Mola di Bari, Del Re ha lavorato con il Nobel Dario Fo e l’etnomusicologo Antonio Infantino e dagli anni ’70 è una delle figure più autorevoli e carismatiche del panorama della canzone politica italiana.

In occasione dell’AFF 2009, Enzo Del Re si esibirà con uno dei più importanti cantautori italiani: Vinicio Capossela. Errante e visionario, esoterico e guascone, autore di una canzone sempre originale tra blues, folk, teatro e Sudamerica, il “poetador” di origine irpina raccoglie dal vivo il successo dell’ultimo album “Da solo” e per il pubblico di Ariano si esibisce con un progetto speciale. Con lui Enzo Del Re e la Banda della Posta, storica formazione folk di Calitri (AV). Ne risulterà un repertorio improntato sull’anima più folk di Vinicio: canzoni da aia e da cerimonia, ranchere, serenate, quadriglie, sonetti a rispetto e a dispetto, saltarelli e tanta energia! Inoltre la formazione di Vinicio Capossela è composta da: Glauco Zuppiroli, Zeno De Rossi, Eusebio Martinelli e Alessandro Stefana.

Direttamente dallo Sziget di Budapest, (il festival musicale più importante al mondo) il gradito ritorno di Lord Sassafras a chiudere, senza malinconia, questa edizione del festival. Il più importante Dj spagnolo, celebre per la sua compilation “Mafia mondiale”, porta in giro per il mondo il mix mutante di world music, rock e techno.

www.arianofolkfestival.it

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Close