Menu

Recensioni

Datarock – Red

2009 - Nettwerk
electro/funk/pop

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. The Blog
2. Give It Up
3. True Stories
4. Dance!
5. Molly
6. Do It Your Way
7. In The Red
8. Fear Of Death
9. Amarillion
10. The Pretender
11. Back In The Seventies
12. Not Me
13. New Days Dawn

Web

Sito Ufficiale
Facebook

La band norvegese, torna a sorprendere il mondo dell’elettronica, grazie all’ultimo successo “Red”.

Il rosso, pigmento della passione, dell’amore, sintetizza senza errori il contenuto di questo disco.

Se li conoscevate dal periodo di “Fa Fa Fa” e dell’album “See what i care”, rimarrete del tutto sorpresi perché il parametro della maturità è stato completato con gran maestria.

L’elettronica dal vecchio timbro è aggiornata da nuovi motivi pop e rock.

“Give it up”, per esempio subisce una sindrome funk che si sviluppa in modo innovativo grazie ad uno strano incrocio di basso e chitarra che percorre delle leggere effusioni digitali.

“Dance”, “The blog”, “Do it you”, invece sono consapevoli del genoma rock, e dal testo rigoroso cantato da un elegante Fredrik Saroea, disegnano una linea canora piacevole.

Il cambio dei membri non ha danneggiato l’intento di far dialogare gli elementi musicali, tratti da origini diverse. Il tutto studiato mediante uno studio che non si limita alla superficialità, ma che vuol penetrare nella sensibilità. Una forma di complessità baciata dalla voglia di migliorare costantemente, senza cadere nel baratro della monotonia.

Altre tracce indicative sono: “Not me” e “New days”. La prima, carica di adrenalina, cerca la propria forza nel connubio rock-electro, il chorus, infatti, vittima di uno spasmo naturale trasforma l’intera song in un tormento preda di facili delizie. L’altra invece delimitata da leggere note, sensuali, percorre una linearità davvero mirabile.

Un album da portare con sé per ispirare i propri sensi e seviziare l’animo, indagando la musica secondo una retrospettiva più interessante.

I Datarock, non sono una delle ennesime band che cerca di sopravvivere nel mondo discografico. Fin dall’inizio hanno dimostrato la fondamentale vitalità e originalità.

In questo genere, le band norvegesi stanno raccogliendo i frutti del loro paziente e coordinato lavoro, citando i noti Royksopp.

I fiordi sconfinati, stanno catalizzando la propria attenzione anche a livello musicale, divertendo e stupendo chi all’inizio era molto scettico.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close