Menu

Recensioni

Dolores O’Riordan – No Baggage

2009 - Cooking Vynil
pop/rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Switch Off The Moment
2. Skeleton
3. It’s You
4. The Journey
5. Stupid
6. Be Careful
7. Apple Of My Eye (New Version)
8. Throw Your Arms Around Me
9. Fly Through
10. Lunatic
11. Tranquilizer

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Ognuno di noi, anche chi non ama veramente il genere, saprebbe riconoscere un brano dei Cranberries. La domanda che può sorgere spontanea riguarda il perché.

Le risposte sono tutte spiegate nella voce di Dolores O’Riordan.

Quando nel 2003, lessi la notizia di una carriera solista, un vago presentimento mi condizionò. Di solito chi intraprende questo tipo di scelta rischia di deludere gli ammiratori, ma soprattutto scivola in un lento oblio chiamato dimenticanza.

Nulla di simile accadde; nel 2007, infatti, uscì l’album “Are you Listening ?”, che convinse critica e ammiratori. La sua voce continuava a sorprendere, e a scolpire un po’ di Irlanda nei cuori, un senso sublime che ci forniva uno strano calore.

Quest’anno è stato pubblicato il disco “No Baggage”, un altro cameo della musica rock. Le linee dell’opera precedente sono rese secondo una sequenza più armoniosa, vitale, che non trascura il senso di malinconia e riflessione.

Composizioni come: “Switch Off The Moment”, “The Journey”, “Skeleton”, sono in grado di annullare il tedio, sviluppando una sensazione dell’immaginazione che si estende fuori dalle consuete sensazioni percettive.

Intrecci di sonorità acustiche che si fondono a leggere, e poco provocanti tensioni rock.

Quel senso irish però pervade senza limiti, rendendo allo steso tempo originale e creativa l’intera song.

I ritornelli sono strutturati da delle varianti che spasmodicamente si memorizzano dopo un unico ascolto, senza impartire delle sofistiche lezioni.

La semplicità strumentale è un ottimo tramite per dei testi profondi e interessanti. Per esempio: “Fly Through”,      ”Throw Your Arms Around Me”, e “Skeleton”.

“Skeleton” rappresenta la pura illusione. Mutilata dal connubio elettrico – acustico, riesce a dare spazio alle nostre fantasie, grazie a un avanzare coordinato di note quiete e provocanti. Una traccia che probabilmente diventerà un successo, e raggiungerà degli eccellenti risultati.

“No Baggage” è un’ottima produzione, curata nei particolari, studiata senza ripetizione, rende nitida l’isola d’Irlanda, che dalle coste frastagliate riesce a far sentire la sua bellissima voce.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close