Menu

Recensioni

Soulsavers – Broken

2009 - V2
rock/alternative/folk

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. The Seventh Proof
2. Death Bells
3. Unbalanced Pieces
4. You Will Miss Me When I Burn
5. Some Misunderstanding
6. All the Way Down
7. Shadows Fall
8. Can't Catch the Train
9. Pharaoh's Chariot
10.Praying Ground
11.Rolling Sky
12.Wise Blood
13.By My Side

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Sto consumando questo album dal primo giorno che ho iniziato ad ascoltarlo. “Broken” è il terzo disco dei Soulsavers, progetto di Rich Machin e Ian Glover, ancora una volta con il mitico Mark Lanegan sempre a farla da padrone.

La voce di Mark naturalmente rende già di per se metà dell’opera fantastica, perchè di voci così se ne trovano una ogni dieci anni, diciamocelo. Per fortuna il grande Lanegan, dopo lo scioglimento dei suoi “Screaming Trees”, continua con il massimo impegno le sue collaborazioni e anche questa volta i Soulsavers, grazie anche al suo contributo, sono riusciti a sfornare un bellissimo album. Da segnalare anche la voce di una donna, appartenente alla cantante Rosa Agostino, che da il meglio di se nella traccia “Rolling Sky”, brano tendente al jazz, intriso di dissonanze e distorsioni. Rock and roll old style invece in “Some Misunderstanding”, splendida cover di Gene Clark. Musica quasi classica nel brano d’apertura “The Seventh Proof”, un capolavoro dietro l’altro, tredici tracce una meglio dell’altra, che vanno a comporre un disco pieno di sorprese, come la collaborazione di Mike Patton in “Unbalanced Pieces”, di Bonnie “Prince” Billy e Gibby Haines. Momenti mistici, invece, nel brano “All the Way Down” con atmosfere decisamente gospel, insieme alla dolcissima “Can’t Catch the Train”. Un pizzico di chitarre elettriche distorte in “Pharaoh’s Chariot” e poi spazio alle donne in “Praying Ground” e nella già menzionata “Rolling Sky”.

Gran finale con “Wise Blood”, pezzo strumentale, tragico e sublime, dove classicismo ed elettronica si fondono senza mostrare la minima incongruenza. Per finire, “By My Side”, altro brano al femminile, che conclude un lavoro a dir poco di classe. Unica pecca? Davvero troppo perfetti.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close