Menu

Recensioni

Kiss – Sonic Boom

2009 - Universal/Roadrunner
hard/glam/rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Modern day Delilah
2. Russian roulette
3. Never enough
4. Yes i know (nobody’s perfect)
5. Stand
6. Hot and cold
7. All for the glory
8. Danger us
9. I’m an animal
10. When lightning strikes
11. Say yeah

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Ricordate i Kiss? Si, quelli tutti truccati che si vestono come drag-queen da ramblas spagnole. Nei quali c’è quello che ogni 10 secondi durante i concerti tira fuori dalla bocca una ventina di centimetri di lingua. Quelli lì! Certo che li ricordate perché i signori appena menzionati fanno tutto questo da circa 35 anni, dal 1974, con l’uscita dell’omonimo Kiss, che metteva in bella mostra 4 bianche facce contornate da stelline, baffi da gatto, rossetti infiammati. Quelli che poi ad un certo punto della loro carriera, siamo più o meno a cavallo tra la fine dei ’70 e l’inizio degli ‘80, hanno deciso di mandare tutto a puttane perché sentivano il bisogno di togliersi tutto quel cerone che richiedeva ore di trucco e parrucco e di cornificare i fanatici del loro metal facendosi portabandiera di una mezza specie di incrocio tra un metal poppeggiante e spruzzato di disco-mu sic, ebbene tutto questo è bastato per dare inizio ad un valzer di componenti del gruppo che ha portato i Kiss fino alla “reunion” del 1996 prima annunciata con il tour Alive/Worldwide e poi definitivamente suggellata con l’uscita, nel 1998, dell’album Psycho Circus seguito dallo Psycho Circus Tour.

Da qui la scelta, volontaria o meno, che meno ci si attendeva, i Kiss prima di tornare in studio fanno passare la bellezza di 11 anni. Ma permettetemi di dirlo, in tutta sincerità l’attesa è valsa la pena anche solo per il riff introduttivo di Modern day Delilah che mescola tonalità molto hard-rock con le corali classiche dei ritornelli “alla Kiss”. Sono lontanissimi anni luce quei momenti, fasulli e privi di personalità, quando, per non perdere il treno del mainstream, a metà anni ’90, i quattro Kiss registravano pezzi per MTV Unplugged mettendo dentro i loro pezzi quei fastidiosi orpelli giunge che sono la bestemmia sulla faccia delle rockstar. Oggi per fortuna i Kiss sono Russian Roulette e Never enough. Una volta passato l’impatto iniziale, che coinvolge i Fans di praticamente tutti i gruppi che suonano da più di un ventennio e che si ritrovano dopo l’11 Settembre, Dopo la guerra in Iraq, dopo la prima vera crisi economica del nuovo millennio, dopo l’elezione del primo Presidente Americano Afro-Americano, a fare un disco che suoni come al tempo del New Deal Reaganiano, della rivoluzione iraniana del ’79, degli anni di piombo in Italia, ecco il gruppo che tra lustrini e paillettes e improbabili indumenti luccicanti prende l’imbocco per la pista giusta lungo le verticali di Stand e di Hot and cold chiudendo il triangolo con un pezzo che già dal titolo è più di una pretesa o predestinazione, All for the glory è la scala dalla quale fa la sua discesa l’ultimo arrivato, il chitarrista Tommy Thayer (già ospite in alcuni brani di hot in the shade e Psycho circus), lo spaceman che ha preso il posto del partente Ace Frelhey, e che, scusate se mi permetto, non lo fa affatto rimpiangere. Provare l’assolo nel quale il chitarrista si produce, sia in questo pezzo, che nel successivo e molto southern, Danger us. La bontà della quasi totalità del disco è messa ancora più in luce dal riff così tanto hard-rock di I’m an animal.

Una splendida prova per il quartetto di Detroit, un disco che da ancora più lustro e orgoglio ad un gruppo che ha guardato nei diversi antri bui della musica ma che alla fine ha sempre riportato l’occhio verso il faro maestro del rock’n’roll e scusatemi se in tutto questo ignoro il seco ndo cd fatto di vecchi successi sentiti e risentiti. I Kiss di oggi sono sonic boom!

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close