Menu

Recensioni

S.A.D.O. – Imprescindibile Momento di Cultura Italiana

2009 - Ams/BanksVille
prog/sperimentale

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Monologo introduttivo n.1
2. MILLE LIRE AL MESE
3. Monologo introduttivo n.2
4. ANIMA MIA
5. Monologo introduttivo n.3
6. BINARIO
7. Monologo introduttivo n.4
8. BAMBOLA
9. Monologo introduttivo n.5
10. MONIA
11. Monologo introduttivo n.6
12. BRAVA
13. Monologo introduttivo n.7
14. DONNA
15. Monologo introduttivo n.8
16. FIGLI DELLE STELLE

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Da un gruppo atipico come i  S.a.d.o. (Società Anonima Decostuzionismi Organici), che da sempre opera per rifuggire dal contesto delle banalità, non si sa mai che cosa aspettarsi.
Questo “Imprescindibile Momento di Cultura Italiana” rappresenta un sunto di ciò che possono fare dal vivo questi sei geniali musicisti: un intenso ed inafferrabile percorso che cerca di arrampicarsi tra cultura, musica ed ironia.
Stavolta i S.a.d.o. hanno preso in prestito alcuni brani storici della musica italiana, di vario periodo, e li hanno  rivisitati dal vivo (durante i concerti teatrali tenuti nel 2008) con la loro particolare tecnica “decostruttiva”, provando a sovrapporli alla vita ed alle opere di Benedetto Croce.
Ciò che ne è uscito fuori è davvero complicato da esprimere in poche righe, soprattutto se non si ha ben chiaro cosa rappresenti la loro particolare tecnica di “decostruzione”, che stravolge queste famose canzoni, le rallenta all’inverosimile e ne dilata il contenuto.
Sembra quasi che sia voluto seguire un percorso “al contrario”, che ne ha ribaltato i significati, rendendo le canzoni irriconoscibili: dal concetto di canzone si passa così a quello di “non-canzone”, da melodia a “non-melodia”, da suono a “non-suono”.
Fatto sta che l’ascoltatore, soprattutto se è la prima volta che prova ad avvicinarsi all’intricato mondo musicale dei S.a.d.o., ne esce fuori certamente scosso e disorientato: è un’impresa riuscire a capire se ci si trova di fronte ad un esperimento culturale, filosofico, musicale, metafisico o più semplicemente ad una geniale ed immensa burla.
Ascoltare per credere.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close