Menu

Recensioni

Anouk – For Bitter Or Worse

2009 - Emi/Zoom
pop/rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Three Days In A Row
2. In This World
3. Woman
4. Lay It Down
5. 8 Years
6. My Shoes
7. Walk to the Bay
8. Today
9. Hold On
10. Lovedrunk
11. Faith in My Moon
12. For Bitter or Worse

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Chi ha mai sentito parlare dei 5 (!) album di Anouk (esclusi i live ecc.), successivi a “Together Alone”, disco del ’97 che l’ha resa celebre più  o meno al mondo intero?
A parte il fatto che il tempo vola e che “Nobody’s Wife” mi sembra un singolo uscito qualche anno fa e invece ne son passati ben 12 di anni, Anouk è una cantante, come tante altre, che deve il suo successo soltanto ad una canzone, la sopra citata “moglie di nessuno”. Il brano arrivò primo in classifica in molti paesi d’Europa e non solo, ma dopo “Together Alone”, che fine fece Anouk?

Ebbene sì, l’olandesina, durante tutti questi anni, ha pubblicato ben sei dischi e nel 2009 è uscito il suo nuovo album, intitolato “For bitter or worse”. Famosa per la sua anima rock, Anouk, in quest’ultimo lavoro, sembra aver cambiato decisamente rotta, avvicinandosi molto di più allo stile della madre, proponendo canzoni Blues, che a tratti strizzano l’occhio a Janis Joplin (anche se naturalmente il paragone non regge minimamente).
In “For bitter or worse”, Anouk, sembra aver posato definitiavmente l’ascia di guerra e di conseguenza, una volta scomparsa la rabbia, alla cantante sembra non restarle altro da fare che scrivere odi all’amore (e al suo nuovo fidanzato).
Qui, infatti, si canta soltanto di scontati sentimenti, di speranza, di felicità, di serenità e naturalmente tutti noi siamo ben contenti di sentire la cantante alla prese con un suo periodo sicuramente positivo della vita, ma il fatto è che il fascino della ragazza arrabbiata con il mondo e con gli uomini aveva senza ombra di dubbio, un’attrazione maggiore. La sua voce è sempre e comunque graffiante e notevole, ma i virtuosismi restano un po’ troppo barocchi.

“For bitter or worse”, infine, si potrebbe definire un disco  melodico, pop, che alla dodicesima traccia però, procura conati di vomito, causati dall’eccessiva dose di parole un po’ troppo sdolcinate, nonostante la copertina ritragga Anouk con il viso ricoperto di sangue.
Insomma, se le donne arrabbiate e deluse dalla vita e dagli uomini, una volta ritrovato l’amore, diventano tutte così, verrebbe da augurarsi una cosa, che queste femmine rimangano single e mogli di nessuno per il resto della loro vita!

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close