Menu

Tornano gli ZEROS! Chi sono? I Ramones messicani!

Punk Rock Legends

The Zeros

www.myspace.com/thezeros

and

Italian Punk Rock Heroes

The Manges

www.myspace.com/themanges

21 gennaio 2010

Magnolia City Rockers

Segrate (Mi)

A volte ritornano. Dopo oltre quindici anni di pausa tornano con la line up originale i mitici The Zeros, i Ramones messicani, che nel 1976 hanno infiammato Los Angeles in compagnia di Germs e Weirdos. Ad accompagnarli in questa imperdibile data una delle più amate ed apprezzate band punk rock nostrane, The Manges!

The Zeros nascono nel 1976 nella South Bay, a Chula Vista, quando quattro ragazzini cicani decidono che il punk non è una cosa per soli “gringos”: imbracciano le chitarre e in poco tempo salgono sul palco dell’Orpheum Theater di Los Angeles – uno dei locali più ambiti della scena punk degli anni ’70 – insieme ai giovanissimi The Germs.

Una carriera fulminea: grazie ad influenze come David Bowie, New York Dolls e Velvet Underground, The Zeros uniscono al punk melodia e ritmi incalzanti, un mix geniale che in breve tempo conquista sia il panorama underground che il grande pubblico.

Nel 1977 la band firma per la Bomp Records per cui usciranno ben quattro full length che in brevissimo tempo diventeranno dei classici del genere.

The Zeros hanno diviso il palco con The Clash, X e The Go Go’s, e i loro pezzi vengono suonati da band come The Muffs, Lux Interior e Mudhoney. The Zeors, un vero pezzo di storia del rock!

The Manges si formano nel 1993 a La Spezia e sono senza dubbio una delle più importanti band punk rock italiane: vari tour Europei e negli Stati Uniti, collaborazioni con gli americani The Queers, Screeching Weasel – che hanno addirittura fatto una cover di I Will Always Do – e i canadesi McRakins. Hanno suonato in tutti i più grandi locali italiani ed europei, e davanti a migliaia di persone nello stadio di Atlanta. Nonostante tutto questo successo The Manges restano sempre una delle band più modeste e sincere del nostro paese, un piccolo orgoglio nazionale!

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Close