Menu

Recensioni

Akkura – Brucerò La Vucciria Col Mio Piano In Fiamme

2009 - Malintenti Dischi
rock/folk

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Brucerò la Vucciria + “Funerali” (Enia)
2. Vicoli vicoli + “Non leggere” (Traina)
3. Kalsamex + “Mani” (Tosini)
4. Beddo lupo + “Cani” (Tosini)
5. Nico il gigante + “Nico” (Akkura)
6. Attore meridionale + “Storia di un fondamentalista artistico” (Gullotta)
7. Benefattore + “Insolenze” (Tosini)
8. Chiedilo a Nick Cave + “Chiedilo al pittore” (Traina)
9. Diquembra + “Emigranti” (Basile)
10. Sabbie immobili + “Il musicista immobile” (Gullotta)

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Nato da un’idea di Dario Flaccovio Editore, “Brucerò la Vucciria col mio piano in fiamme” è l’opera finora più ambiziosa degli Akkura. Un libro più un disco: dieci canzoni che accompagnano la lettura di altrettanti racconti, con l’intento di rappresentare uno spaccato omogeneo e credibile della magnificenza e delle contraddizioni che da sempre animano la città di Palermo, troppo presto svenduta agli alti ceti senza chiederne il permesso agli abitanti.
Per questo lavoro il gruppo siciliano si è circondato di scrittori emergenti (Dario Tosini, Andrea Gullotta e Alli Traina) e già affermati come il cantautore Cesare Basile, il teatrante Davide Enia ed il fumettista Sergio Algozzino. Per la produzione del disco, registrato addirittura in Brasile, gli Akkura si sono affidati a due professionisti di grosso calibro: Moreno Veloso (figlio del celebre Caetano) e Domenico Lancellotti.
Un progetto che si propone di raccontare la Palermo attuale, offrendone un’originale rappresentazione in suoni e parole: ”un affresco di una città che è già meravigliosa così, che non attende nessun futuro. A Palermo il futuro già ci fu.”

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close